Cronaca Ponso

Si intrufolano nella casa sottoposta a provvedimento giudiziario: due fratelli arrestati

Si sono anche allacciati abusivamente alla rete elettrica e avevano un motorino rubato. Li hanno scoperti i carabinieri dando esecuzione a un ordine di perquisizione

Denunciati per spaccio l’anno scorso, i carabinieri hanno perquisito il luogo dove vivevano. Non hanno trovato droga ma ben altro che ha messo nei guai i due fratelli.

Il fatto

Nel pomeriggio di martedì 29 marzo i carabinieri di Ponso e della compagnia di Este, assieme all’unità cinofila di Torreglia, hanno dato esecuzione a un decreto di perquisizione emesso dalla Procura di Rovigo a carico di due fratelli marocchini di 37 e 29 anni. I due hanno precedenti per reati contro il patrimonio, la persona e in materia di stupefacenti. Nel gennaio dell’anno scorso erano stati denunciati per spaccio e il fratello maggiore aveva ricevuto il divieto di dimora nella provincia di Padova. Durante la perquisizione, però, i carabinieri di droga non ne hanno trovata. Tuttavia, i due fratelli avevano tolto i sigilli alla casa sottoposta a provvedimento giudiziario e si erano allacciati abusivamente alla rete elettrica, staccata nel 2019. Per questo sono stati arrestati. In più si aggiunge una denuncia per ricettazione perché avevano un motorino rubato lo scorso 9 marzo a Casale di Scodosia e il maggiore dei due è stato denunciato anche per l’inosservanza del divieto di dimora. Gli arresti sono stati convalidati e il 37enne ha l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si intrufolano nella casa sottoposta a provvedimento giudiziario: due fratelli arrestati
PadovaOggi è in caricamento