menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri ai giardini dell'Arena, zona abituale di spaccio per Kamara

I carabinieri ai giardini dell'Arena, zona abituale di spaccio per Kamara

Fine corsa per il pusher recidivo: è in carcere dopo cinque arresti in sei mesi

Si trova al Due Palazzi il trentenne africano che negli ultimi sei mesi ha collezionato sei tra arresti e denunce. L'ultimo ieri, su ordine del tribunale che lo ha condannato

Forse, ma visto il curriculum criminale il condizionale è d'obbligo, potrebbe essere messa la parola "fine" sull'attività di spaccio di Abdel Aziz Kamara, ora in carcere.

Raffica di arresti

Trentatré anni, nato in Gambia e approdato a Padova con permesso di soggiorno umanitario, dallo scorso autunno è balzato agli onori delle cronache per ben cinque volte. Il motivo? L'attività con cui si mantiene: lo spaccio di marijuana. Un primo arresto a fine estate, poi a ottobre prima una denuncia e solo due giorni dopo il secondo fermo. Direttissima, condanna a sei mesi con pena sospesa, libero. Il 30 novembre arriva il terzo arresto, il 14 marzo il quarto. I ripetuti provvedimenti non lo hanno fatto desistere, né tantomeno cambiare zona. In tutte le occasioni infatti è stato visto cedere le dosi ai clienti in passeggiata Miolati o ai giardini dell'Arena.

In cella

E qui lo hanno trovato per l'ennesima volta i carabinieri del Nucleo radiomobile mercoledì pomeriggio. Stavolta cercavano proprio lui. Gli hanno notificato un ordine di carcerazione emesso dal tribunale di Padova l'8 aprile, ammanettandolo e trasferendolo al Due Palazzi. Kamara deve rispondere degli episodi di spaccio risalenti all'autunno, per i quali deve scontare cinque mesi e 26 giorni. Nei prossimi mesi potrebbe vedersi aumentare la pena nel caso venisse condannato anche in seguito agli arresti più recenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento