Furto flash in agenzia: derubano il titolare e scappano in auto, uno è minorenne

Un colpo in negozio in pieno giorno e altra merce rubata nell'auto hanno portato all'arresto di un giovane e alla denuncia di un minore. Hanno agito sotto gli occhi degli agenti

La polizia nel corso di un servizio in centro storico

A notare gli strani movimenti della coppia e intervenire tempestivamente fermandoli sono stati gli agenti della squadra mobile.

L'appostamento

Attorno alle 12 di lunedì gli agenti sono impegnati in un servizio di contrasto a furti e reati predatori nel cuore del centro storico. Transitano in riviera Tito Livio e notano una Skoda con targa francese che procede a rilento attirando la loro attenzione. A bordo ci sono due ragazzi molto giovani, decidono di tenerli d'occhio. L'auto accosta in strada, il passeggero scende e si infila in un'agenzia viaggi da cui esce di corsa pochi istanti dopo, risale e il guidatore ingrana la marcia.

Il furto

I poliziotti entrano nel negozio e trovano il proprietario sconvolto: quel ragazzino era appena riuscito a rubargli cellulare e orologio. Scatta l'inseguimento dell'auto, raggiunta e costretta a fermarsi in via Goito. Nell'abitacolo ci sono le prove che incastrano la coppia di ragazzi, lo smartphone e l'orologio appena rubati, ma anche un ulteriore telefonino che risulterà rubato qualche giorno fa a Marsiglia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I provvedimenti

I due giovani vengono portati in questura per l'identificazione, sono il 26enne romeno Claudiu Iulian Pacala e un minorenne, entrambi senza fissa dimora. Tutti e due sono accusati di furto in concorso per l'episodio appena consumato e di ricettazione per il cellulare rubato in Francia. Il maggiorenne che guidava l'automobile viene arrestato, l'altro se la cava con una denuncia perché fino a ieri erano incensurati. Gli inquirenti cercheranno ora di ricostruire i loro movimenti per capire se siano anche gli autori materiali del colpo a Marsiglia e se a loro carico vi siano altri reati analoghi. Il bottino è stato sequestrato e in parte restituito al professionista derubato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, Zaia: «Nuovi positivi e isolamenti, indicatori non buoni: siamo nella "fase limbo"»

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Dramma domenica mattina alle Terme: spara alla moglie e poi si uccide

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento