Fine corsa per il piromane e il rapinatore che avevano terrorizzato la provincia

É scattata la denuncia per il 50enne con problemi psichici ritenuto colpevole del rogo al centro anziani di Fontaniva. Arrestato un rapinatore che a dicembre ha colpito a Mestrino

I carabinieri hanno individuato in provincia i responsabili di un incendio doloso e di una rapina. Il primo è stato denunciato, il secondo è finito in manette.

L'incendio al centro anziani

Ha finalmente un volto e un nome il piromane colpevole dell'incendio appiccato nella notte tra il 27 e il 28 agosto in una residenza per anziani a Fontaniva. Attorno all'1 di notte il rogo è partito da una delle stanze comuni all'interno della struttura che ospita anziani autosufficienti. Immediato l'allarme, con l'arrivo dei vigili del fuoco e dei sanitari che hanno evacuato e assistito i nove ospiti. Si è subito pensato al dolo, poiché nel punto in cui sono scaturite le fiamme non c'erano sostanze infiammabili o materiali pericolosi. A un mese di distanza i carabinieri dopo un'accurata indagine hanno individuato il possibile responsabile. É un 55enne italiano del posto, che da tempo soffre di disagi psicologici. Proseguono le verifiche per inchiodarlo e per cercare di capire il motivo del pericoloso gesto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La rapina in banca

É stato arrestato l'autore della rapina che il 15 dicembre scorso ha colpito la filiale della banca Intesa San Paolo di Mestrino. All'epoca, in pieno giorno, due banditi armati di coltello avevano fatto irruzione nell'istituto di credito ex Veneto Banca. Un colpo da una manciata di minuti, con i malviventi che erano riusciti a sottrarre poche decine di euro prima di scappare a bordo di un'auto. Sulle loro tracce i carabinieri, che grazie alla collaborazione con i colleghi di San Giorgio a Cremano hanno individuato uno dei responsabili, resiente nel comune napoletano. Il 47enne, colpito da un'ordinanza di custodia cautelare, ha l'obbligo di dimora e dovrà rimanere in casa nelle ore notturne e presentarsi ogni giorno negli uffici della polizia giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, Zaia: «Nuovi positivi e isolamenti, indicatori non buoni: siamo nella "fase limbo"»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento