Dalla droga nascosta nelle mutande all'aggressione ai carabinieri: 19enne arrestato

È successo nella serata di Ferragosto a Borgo Veneto: il giovane, fermato per un controllo, ha anche minacciato i militari dell'Arma. Denunciato anche un 35enne marocchino che si trovava in macchina con lui

Un "en plein" di reati. Tanto da far scattare le manette: i carabinieri del Norm aliquota radiomobile hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, minaccia a pubblico ufficiale e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio J.K.M., 19enne di Ponso, e denunciato per resistenza a pubblico ufficiale L.F., 35enne di origini marocchine residente a Montagnana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I fatti

È successo alle ore 23.25 di Ferragosto a Borgo Veneto: i militari dell'Arma fermano l'Alfa 147 su cui viaggiano sia il nordafricano che il 19enne. Entrambi vengono perquisiti, e negli slip del giovane vengono trovati 14 grammi di hashish, 3,5 grammi di marijuana, circa un grammo di cocaina suddiviso in tre involucri, circa un grammo di eroina e 160 euro ritenuti provento di spaccio. Come se non bastasse, però, il 19enne pensa bene di cercare di scappare venendo tuttavia bloccato dai carabinieri opponendo attiva resistenza e minacciandoli verbalmente. Entra quindi in scena anche il marocchino, il quale opponeva resistenza attiva tentando di ostacolare i militari durante il collocamento del giovane all'interno dell'auto di servizio, tanto che sul posto intervengono in supporto anche i carabinieri di Montagnana e di Solesino. I militari dell'Arma intervenuti per bloccare l'arrestato si sono sottoposti a cure mediche presso l'ospedale di Schiavonia e giudicati affetti da contusioni. Il 19enne, espletate le formalità di rito, è stato portato nelle camere di sicurezza della stazione dei carabinieri di Este: il suo arresto è stato poi convalidato al termine del processo per direttissima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Maxi fallimento da 36milioni e frode fiscale: sequestrate aziende, case, Ferrari e Porshe

  • Scomparsa una 48enne: elicottero e sommozzatori al lavoro per trovarla

  • Uno «strepitoso» test rapido: bastano sette minuti per scoprire se si è positivi al Coronavirus

  • Live - Mistero sugli stranieri abbandonati per strada. Coronavirus, altri due bimbi tra i nuovi positivi

  • Il prof Crisanti: «Il piano della Regione contro il Covid? Prima dei tamponi a Vo' non esisteva»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento