menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifornivano Cadoneghe di cocaina ed eroina: arrestati tre nigeriani

Operazione condotta dai carabinieri di Vigodarzere e Piazzola sul Brenta: un 35enne e un 22enne sono stati trovati in possesso di oltre 100 grammi di droga, mentre un 39enne era stato espulso dall'Italia

Undici ovuli di droga uguale manette ai polsi. Nel pomeriggio di venerdì i carabinieri della stazione di Piazzola sul Brenta, coadiuvati nella fase terminale dai militari della stazione di Vigodarzere, hanno arrestato il 35enne F.I., il 22enne H.W.U. e il 39enne H.O., tutti e tre nigeriani senza fissa dimora in Italia ma di fatto domiciliati a Cadoneghe. I primi due sono accusati di gestire una fiorente attività di spaccio di stupefacenti nei confronti di alcuni “clienti” di mezza età che risiedono in quell’area, mentre l’ultimo è responsabile di essere rientrato illegittimamente in Italia, pur essendo già stato espulso nel gennaio del 2015.

Le indagini

I carabinieri di Piazzola avevano assunto da settimane alcune informazioni nel giro dei tossicodipendenti venendo a conoscenza che molti di loro erano soliti acquistare la droga direttamente nell’abitazione di due nigeriani di Cadoneghe che, una volta individuati e identificati, sono stati messi sotto osservazione dai militari. Una volta ottenuto un riscontro in merito all’attività illecita attività e documentato la presenza di persone che si recavano ad acquistare la droga, i carabinieri hanno ottenuto un decreto di perquisizione.

La perquisizione

La perquisizione è stata eseguita nel pomeriggio di venerdì, quando i militari hanno bloccato i destinatari del provvedimento e hanno dato luogo all’attività di ricerca di sostanze stupefacenti. Tutto si è concluso dopo qualche ora con il rinvenimento di 9 ovuli in cellophane contenenti, complessivamente, 100 grammi di cocaina, altri due ovuli contenenti 16 grammi di eroina e un sacchetto di sostanza da taglio. Dopo avere proceduto al sequestro del materiale, i Carabinieri hanno proceduto all’arresto dei due stranieri responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacente, applicando la stessa misura nei confronti del terzo nigeriano, trovato in casa con gli altri connazionali e la cui presenza sul territorio nazionale è risultata illegale. Al termine dell’attività, i primi due nigeriani sono stati rinchiusi nel carcere di Padova, mentre H.O. è stato trattenuto nella camera di sicurezza della compagnia dei carabinieri di Cittadella per essere poi accompagnato nella giornata di sabato al Tribunale di Padova, dove è stata fissata l’udienza di convalida.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Come fare una manicure semipermanente in casa senza l’uso della lampada

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento