Dipendente infedele svuota i distributori automatici all'Ikea: ha spillato 10mila euro

Un trentanovenne, che lavora per un'azienda esterna, deve rispondere di furto aggravato per essersi appropriato del denaro del negozio. Agiva con una copia della chiave

I carabinieri durante il servizio all'Ikea Padova

Un guadagno facile e assai remunerativo, che è però valso un arresto a un 39enne padovano, con l'infamante accusa di aver derubato il noto marchio.

I furti

Un servizio mirato dei carabinieri di Noventa Padovana ha permesso di scoprire l'origine di ammanchi per 10.800 euro dalle casse di Ikea. É D.M., uno dei dipendenti di una ditta esterna che lavora per il colosso svedese, che dal maggio scorso avrebbe puntualmente fatto incetta dei contanti custoditi all'interno dei distributori automatici delle bibite all'interno del negozio. L'indagine è partita su richiesta dei responsabili della sicurezza del punto vendita, che nei mesi scorsi si sono resi conto di una serie di stranezze. In più occasioni al momento di vuotare le macchinette i serbatoi con le monetine risultavano vuoti. Un fatto anomalo, poiché i distributori erano perfettamente funzionanti. Il sospetto era quindi che qualcuno riuscisse a impossessarsi del denaro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arresto

Con il ripetersi degli episodi sono stati informati i militari, che hanno cominciato a indagare su un ventaglio di sospettati. Il cerchio è poi andato a stringersi attorno al 39enne e domenica, con il negozio preso d'assalto e centinaia di euro incassati dai distributori automatici, è scattato il blitz. I carabinieri appostati hanno così colto in flagranza l'uomo, intento a intascare 360 euro. Per farlo si era impossessato di una copia della speciale chiavetta che serve ad aprire le macchinette, non lasciando quindi segni di effrazione. Inchiodato alle proprie responsabilità, D.M. è stato arrestato per furto aggravato. Secondo una prima stima l'uomo, a partire da maggio, sarebbe riuscito a sottrarre 10.800 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giordani: «Mia figlia vive un momento delicato, per alcuni giorni mi asterrò da qualsiasi attività pubblica»

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Il Giro d'Italia arriva a Monselice: strade chiuse dalle 12.30, dodici i comuni interessati

  • Grave incidente sul lavoro al centro raccolta rifiuti di via Montà: morto un operaio

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e nel Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento