Tenta il furto nell'affollatissimo Coin: la borsa schermata non basta a farla franca

Un quarantenne tunisino è stato arrestato domenica sera a Padova dopo un tentato colpo nel negozio Coin. Denunciato per lo stesso reato a Cittadella un romeno trentacinquenne

I carabinieri davanti al negozio Coin (foto: archivio)

Ha fatto leva sulla calca di persone indaffarate per accaparrarsi gli ultimi acquisti natalizi, provando ad arraffare alcuni prodotti uscendo senza pagare. La sorveglianza ha però notato i suoi movimenti e allertato i carabinieri che lo hanno ammanettato.

Il colpo sventato

Si è conclusa con un arresto per tentato furto aggravato la domenica di Alì Ben Abdelaziz Saidi Med, tunisino di 42 anni che da tempo bazzica senza fissa dimora a Padova, dove è ben conosciuto alle forze dell'ordine per diversi precedenti. L'uomo è stato bloccato dai carabinieri del Nucleo radiomobile nel negozio Coin della centralissima via Altinate, dove a ridosso dell'orario di chiusura è stato scoperto mentre tentava di uscire con alcuni profumi rubati. Che l'intento di rubare fosse premeditato, tanto da costargli il fermo, lo testimonia la borsa in cui è stata trovata la refurtiva. Il tunisino l'aveva infatti rivestita internamente di pellicola di alluminio, sperando di eludere i pannelli antitaccheggio alla porta. I suoi movimenti avevano in realtà già insospettito la vigilanza privata, che lo ha poi fermato in attesa dell'arrivo della pattuglia. Saidi infatti aveva puntato il reparto profumeria, infilando nella sporta alcune confezioni di fragranze da uomo, del valore di 150 euro. Restituita la refurtiva e sequestrata la borsa, lo straniero ha passato la notte nelle camere di sicurezza della caserma in attesa dell'udienza di convalida dell'arresto con rito direttissimo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Resistenza

É invece la resistenza a pubblico ufficiale il reato contestato ad A.R., tunisino di 32 anni incappato in un controllo del Nucleo radiomobile di Padova in piazza Mazzini. Erano le 21 di domenica quando i carabinieri hanno avvicinato il giovane chiedendogli i documenti e questi, senza fissa dimora, non ha esitato a minacciarli per essere lasciato in pace. Una mossa non solo inutile, ma che gli è costata una denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Giordani: «Mia figlia vive un momento delicato, per alcuni giorni mi asterrò da qualsiasi attività pubblica»

  • Il Giro d'Italia arriva a Monselice: strade chiuse dalle 12.30, dodici i comuni interessati

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e nel Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento