menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri durante i servizi lungo la passeggiata Miolati

I carabinieri durante i servizi lungo la passeggiata Miolati

Clienti in pellegrinaggio dai pusher lungo il canale: denunciato anche l'acquirente

Il tratto di argine che costeggia il Piovego da via Gozzi al Portello si conferma una delle roccaforti del piccolo spaccio cittadino. Quattro le denunce e tre le segnalazioni al prefetto

Se fino a un paio d'anni fa la base logistica dei pusher erano i giardini dell'Arena, con le opere di riqualificazione dello scorso anno la palma di piazza dello spaccio è passata al fazzoletto di terra della passeggiata Miolati. Nonostante i frequenti controlli delle forze dell'ordine i traffici proseguono anche in pieno giorno, come testimonia il servizio messo in campo lunedì dai carabinieri.

Arresto e denuncia

Uomini della stazione di Padova Principale e del Nucleo radiomobile hanno allestito nel pomeriggio un controllo coordinato in diverse zone della città, concentrato in particolare lungo il Piovego. Lì hanno notato una cessione di droga tra uno spacciatore tunisino e un cliente italiano, che incuranti della pattuglia si sono spostati lungo la passeggiata fino a raggiungere la passerella intitolata a Balbino Del Nunzio. Quando l'acquirente ha allungato le banconote e ricevuto la merce i militari sono entrati in azione bloccandoli e arrestando Aehb Gersini, 27enne tunisino irregolare. Il nordafricano aveva appena ceduto una dose di cocaina al 57enne M.S., che aveva addosso anche un coltello. Oltre alla segnalazione come consumatore abituale di droga l'italiano è stato quindi denunciato per porto ingiustificati di armi. La direttissima ha visto convalidare il fermo di Gersini, che ha ottenuto il termine a difesa: l'udienza è rinviata a ottobre, fino ad allora ha il divieto di dimora in tutta la provincia.

Irregolari, spinelli e posti di blocco

Nella stessa zona è stato denunciato anche il 35enne nigeriano O.A., che in quanto clandestino in Italia era privo di documenti e permesso di soggiorno. Nei registri del prefetto Franceschelli sono finiti anche i nomi di due giovani bengalesi di 27 e 22 anni, segnalati come assuntori perché trovati rispettivamente con 2 e 1,5 grammi di marijuana per uso personale. A bordo di una Ford è invece stato controllato un 47enne rodigino, denunciato per guida in stato di ebbrezza perché positivo all'alcoltest con 1,10 g/l.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento