menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto: archivio)

(foto: archivio)

Scoperto in bicicletta con l'eroina, nascondeva in casa un clandestino

Il controllo nei confronti di un nordafricano, finito in arresto per spaccio di droga, ha portato anche alla denuncia di un altro straniero che avrebbe già dovuto lasciare l'Italia

Pensavano di aver scoperto uno spacciatore, invece hanno rintracciato anche un clandestino che si nascondeva nell'appartamento del conoscente. Si è quindi conclusa con un un fermo e una denuncia l'operazione condotta domenica dalla Squadra volante della polizia.

Tradito dal nervosismo

Gli agenti si trovavano a pattugliare la zona Pescarotto quando hanno intercettato un uomo sospetto che percorreva in bicicletta via Tonzig. Ne è scattato un controllo, durante il quale il 46enne tunisino è parso molto nervoso. La perquisizone personale ha presto permesso di scoprirne il motivo, ossia tre bustine di eroina che portava con sé. Identificato in Fathi Ghbri, è emerso che l'uomo viveva in una appartamento della vicina via Curiel dove è stata disposta una ulteriore perquisizione.

Perquisizione con sorpresa

Nell'abitazione non è stato trovato altro stupefacente, ma all'arrivo degli agenti in casa era presente un 43enne algerino, ospitato dal tunisino, privo di documenti. Entrambi sono stati portati in questura, Ghbri per formalizzare l'arresto con l'accusa di detenzione a fini di spaccio, l'altro per essere identificato. L'uomo era già stato colpito da un ordine del questore di Venezia che gli intimava di lasciare l'Italia ed è quindi stato denunciato per soggiorno illegale nel Paese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento