Cronaca Stazione / Piazza Alcide de Gasperi

Spaccio alla luce del sole: tra denunce, arresti e clienti in fuga i pusher sono subito liberi

Due uomini quarantenni di origine nordafricana sono stati rispettivamente denunciato e arrestato dal Norm di Padova in seguito a due distinti controlli nella giornata di lunedì

(foto: archivio)

Uno se l'è cavata con una denuncia in stato di libertà, l'altro la libertà l'ha presto ritrovata nonostante la più grave misura dell'arresto. Sono due gli stranieri scoperti lunedì a spacciare stupefacenti lunedì dai carabinieri.

Compravendite in strada

I due interventi sono avvenuti pressoché in contemporanea. Alle 15 una pattuglia del Nucleo radiomobile stava perlustrando la zona di Pontevigodarzere quando lungo la via omonima ha notato un incontro sospetto fra due uomini. I due si sono scambiati un piccolo involucro e alcune banconote: cosa stessero facendo è stato subito chiaro, tanto che i militari li hanno bloccati sul fatto. Mentre fermavano lo spacciatore il cliente è riuscito a fuggire a piedi lanciando a terra la bustina appena acquistata che ha permesso di scoprire all'interno 3 grammi di cocaina. Il pusher è stato trasferito in caserma e identificato nel 40enne marocchino K.Y., senza fissa dimora che bazzica la città. Lo straniero è stato poi denunciato per detenzione a fini di spaccio.

In manette nella piazza dello spaccio

Identica l'accusa che mezz'ora più tardi ha colpito Khaled Chaabani, tunisino di 41 anni volto noto alle forze dell'ordine. In questo caso però l'uomo è stato arrestato perché scoperto in piazza De Gasperi con addosso 25 grammi di hashish. I precedenti penali, l'ingente quantitativo e la sua presenza in un'area tristemente celebre per i traffici di stupefacente lo hanno fatto finire in manette. L'autorità giudiziaria informata del fatto, ha poi disposto che il nordafricano venisse rimesso in libertà.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio alla luce del sole: tra denunce, arresti e clienti in fuga i pusher sono subito liberi

PadovaOggi è in caricamento