Fermata in auto con tre ventenni: la biancheria intima è imbottita di eroina

Una trentenne veneta è finita in arresto martedì sera in seguito a un controllo stradale. La perquisizione ha fatto trovare mezzo etto di droga, segnalato uno dei passeggeri

Il materiale sequestrato dai carabinieri di Este e Montagnana

Viaggiava lungo le strade della Bassa con tre ragazzi, ma anche con un discreto carico di eroina. Sperava di passare inosservata nascondendo la droga nel reggiseno, ma l'accortezza non è bastata a evitare le manette.

Il posto di blocco

É accusata di detenzione a fini di spaccio la 34enne Lisa Furlan, nativa e residente a Breda di Piave nel Trevigiano che attualmente vive nella zona dell'Estense. La donna, già nota alle forze dell'ordine, è incappata martedì in un controllo stradale dei carabinieri a Montagnana, che hanno fermato la Fiat 500 guidata da un 24enne di Borgo Veneto. A bordo oltre al conducente e alla trevigiana c'erano anche due ragazzi di 27 anni, uno di Occhiobello (Rovigo) e l'altro di Borgo Veneto.

La droga

Dopo aver chiesto i documenti agli occupanti e aver annotato i precedenti penali della donna, i militari del Norm hanno proceduto con una perquisizione personale. Intuizione fruttuosa, perché nel reggiseno della Furlan sono stati trovati 54 grammi di eroina. Nelle tasche del rodigino c'era invece una dose singola della stessa sostanza e del metadone, anch'essi sequestrati. Ad aggravare la posizione della 34enne è stato il controllo esteso al suo appartamento dove è stato recuperato un bilancino di precisione che serve a misurare con esattezza lo stupefacente prima di venderlo. Uno strumento che ha fatto concretizzare l'ipotesi secondo cui la donna sarebbe implicata attivamente in un giro di spaccio. Mentre Lisa Furlan veniva arrestata per detenzione a fini di spaccio, il 27enne di Occhiobello è stato segnalato alla prefettura come assuntore abituale. Alle 14 di mercoledì la donna è comparsa davanti al giudice per il processo per direttissima che ha convalidato il fermo, assegandole l'obbligo di firma tre volte a settimana.

Una denuncia anche in città

Nella stessa giornata i carabinieri del Nucleo radiomobile di Padova hanno denunciato, con lo stesso capo d'accusa, il 23enne gambiano S.E., nel capoluogo senza fissa dimora, scoperto in zona Portello con 14 grammi di marijuana addosso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Bacchiglione restituisce un corpo: è la mamma di Bovolenta scomparsa lunedì

  • Cadavere lungo l'argine: il tragico gesto forse legato a problemi lavorativi

  • Dalle acque gelide emerge un cadavere: complesse le fasi dell'identificazione

  • Cadavere nel lago d'Iseo: è la giornalista Rosanna Sapori, per anni lavorò nel Padovano

  • Orrore all'Arcella, gioielliere aggredito con l'acido e rapinato all'uscita dal negozio

  • Fiamme in una fabbrica della Bassa, fumo visibile a diversi chilometri di distanza

Torna su
PadovaOggi è in caricamento