Braccata e inseguita dopo il lavoro: il marito violento l'aveva già minacciata con un coltello

Un uomo è stato arrestato dopo un rocambolesco pomeriggio nel quale si è appostato fuori dal posto di lavoro della moglie e ha tentato di speronarla. Lei si è rifugiata in caserma

(foto: archivio)

Una spirale di soprusi aveva trasformato la vita coniugale in un incubo, tanto da spingere una 26enne marocchina a rifugiarsi in un centro antiviolenza. Una scelta che ha fatto esplodere l'ira del marito, ammanettato dopo averla inseguita in auto.

Mesi di terrore

Il grave episodio risale al pomeriggio di martedì ma è solo l'ultimo di una lunga serie di vessazioni e maltrattamenti nei confronti della donna. Maltrattamenti documentati almeno dalla scorsa estate, quando alle forze dell'ordine sono arrivate le prime segnalazioni a carico del marito, connazionale di 31 anni. Insulti, minacce, percosse, fino a vedersi puntare un coltello alla gola. La ragazza nel mese di novembre ha deciso di abbandonare quella casa diventata ormai una prigione e ha trovato ospitalità in una struttura protetta. Una decisione che non è però stata digerita dal compagno, che ha innescato una serie di comportamenti ancor più pericolosi.

Folle inseguimento

L'acme si è raggiunto ieri, quando il 31enne è arrivato in auto nella zona industriale di Vigonza. Lì, in nella sede di una multinazionale, lavora la moglie che lui ha atteso nel parcheggio fino al termine del turno. Attorno alle 15 lei è uscita e salita sulla sua utilitaria, ma solo quando era già per strada si è resa conto di avere alle calcagna il marito. Il 31enne ha tentato di speronarla e tagliarle la strada in un inseguimento proseguito fino al comando provinciale dei carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arresto

La donna infatti ha immediatamente chiamato il 112 e gli operatori l'hanno invitata a dirigersi subito in caserma. Arrivata in via Rismondo è corsa all'interno dove è stata rassicurata, mentre E.F.A. (le cui generalità complete non vengono diffuse per salvaguardare l'identità della vittima ndr) intuita la trappola ha invertito la marcia cercando di fuggire. Poco lontano lo hanno però intercettato e bloccato gli uomini del Nucleo radiomobile arrestandolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento