Documenti rubati per dichiarare una falsa nazionalità: le menzogne valgono l'arresto

Un 34enne moldavo ha presentato nel corso di un controllo una carta d'identità e una patente di un'altra persona per fingersi romeno e mantenere celata la propria clandestinità

(foto: archivio)

Sperava di superare indenne un controllo della Squadra mobile, finendo invece arrestato.

L'arresto

Andrei Pislaru, 34enne originario della Moldavia, è incappato in una pattuglia della questura lungo via Tiziano Aspetti all'Arcella. Rintracciato alle 15.30 di domenica, agli agenti ha fornito una patente e una carta d'identità romene che riportavano le generalità di un uomo. Un'ulteriore verifica ha però permesso di appurare che quella persona non era il 34enne, che si era invece procurato i documenti per spacciarsi per romeno trovandosi clandestinamente in Italia. Trasferito in questura e identificato, Pislaru è dunque stato arrestato per violazione delle norme sull'immigrazione nonché per la ricettazione dei documenti che sono finiti sotto sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento