menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'automobile che gli inquirenti ritengono sia stata usata dall'arrestato per le rapine dello scorso febbraio

L'automobile che gli inquirenti ritengono sia stata usata dall'arrestato per le rapine dello scorso febbraio

Rapinò una pompa di benzina, si cercano i complici di altri due colpi

Un quarantenne del Piovese è stato arrestato in esecuzione di un ordine di carcerazione per una rapina risalente al 2010. I carabinieri diffondono l'immagine dell'automobile

La Giustizia ha presentato il conto ad Alberto Xodo, accusato di rapina, ricettazione e porto abusivo di armi per un episodio di nove anni fa. É però sospettato di altri due colpi, per i quali le indagini sono in corso.

L'arresto

A notificargli l'ordine di caracerazione emesso dalla procura padovana sono stati i carabinieri di Piove di Sacco, che domenica si sono presentati alla porta del 43enne del paese. L'uomo dovrà scontare quattro anni e sei mesi per una rapina a mano armata commessa nel 2010, quando assaltò una pompa di benzina di Villatora di Saonara impossessandosi di 4.500 euro. In quell'occasione Xodo non era solo, ma aveva agito con un complice.

Gli altri colpi

E con altre persone gli inquirenti ritengono sia tornato a colpire per due volte nel febbraio scorso, prima il giorno 4 rapinando una tabaccheria di Campagnola di Brugine e ancora il 21 del mese all'ufficio postale di Piove di Sacco. Nell'ufficio postale era entrato da solo, pistola alla mano, ma sarebbe arrivato e fuggito a bordo di una Volkwagen, di cui i carabinieri diffondono l'immagine nella speranza che qualche testimone possa fornire indizi utili per rintracciare il complice che si ritiene avesse atteso Xodo all'esterno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento