Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Stazione / Corso del Popolo

Documenti rubati e oggetti pericolosi: venticinquenne in manette, ma è subito libero

Un giovane pregiudicato italiano è stato arrestato sabato sera a Padova perché scoperto con addosso delle tessere intestate a un'altra persona, un taglierino e un manganello

(foto: archivio)

Prima i documenti risultati rubati, poi un manganello e un cutter. Sono gli oggetti valsi l'arresto con tre capi d'accusa a un 25enne italiano residente in città.

Documenti falsi

Andrea Siebessi, volto già noto alle forze dell'ordine, sabato sera si trovava in corso del Popolo. Lì, lungo la strada semi deserta, lo ha notato l'equipaggio di una pattuglia dei carabinieri del Nucleo radiomobile fermandolo per un controllo. Ad attirare l'attenzione dei militari sono state una tessera sanitaria e una carta prepagata che il giovane aveva con sé ma che recavano i dati personali di un altro ragazzo. Una rapida verifica ha così permesso di appurare che i due documenti risultavano rubati poiché il proprietario, un 20enne veneziano, ne aveva denunciato il furto subito il 16 marzo nella città lagunare. Siebessi non ha saputo spiegare come li avesse ottenuti né a cosa gli servissero, così nei suoi confronti sono state formalizzate le accuse di possesso indebito di carta di credito e ricettazione poiché non v'è al momento certezza che sia lui anche l'autore materiale del furto.

L'arresto

La sua situazione si poi ulteriormente aggravata quando i carabinieri hanno recuperato anche un manganello e un taglierino, anche provento di furto, per i quali deve rispondere anche di porto abusivo di oggetti atti a offendere. Trasferito in caserma e sequestrati gli oggetti, il 25enne è stato arrestato. Notificata la misura all'autorità giudiziaria, è poi stato rimesso in libertà.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Documenti rubati e oggetti pericolosi: venticinquenne in manette, ma è subito libero

PadovaOggi è in caricamento