Spacciava a decine di giovani, ventenne finisce agli arresti domiciliari

La procura ha accolto gli esiti di un'indagine condotta dai carabinieri nei confronti di un ventenne padovano, arrestato martedì. Cedeva marijuana e hashish nella zona del Piovese

(foto: archivio)

Da agosto avrebbe rifornito di stupefacente numerosi ragazzi, soprattutto di Legnaro. Un vero e proprio giro di spaccio messo in piedi da un ventenne già noto alle forze dell'ordine, ora ai domiciliari.

Le indagini e l'arresto

Lo ha deciso la procura della Repubblica presso il tribunale di Padova, emettendo un'ordinanza di custodia cautelare notificata martedì dai carabinieri di Legnaro al ventenne. Gli inquirenti hanno raccolto a suo carico prove significative, ricostruendo nei dettagli l'attività illecita che andava avanti da diversi mesi, almeno dallo scorso agosto. Il ventenne era solito organizzare le compravendite via cellulare, dando poi appuntamento ai clienti in diversi parchi pubblici di Legnaro, Saonara e talvolta in paesi limitrofi. Proprio fermando a più riprese i clienti, per lo più coetanei del pusher, i militari sono risaliti al giovane scoprendo che il suo commercio era specializzato nel traffico di marijuana e hashish, che spacciava in quantità contenute ma molto frequentemente. Ulteriori accertamenti sono in corso per ricostruire i canali di approvvigionamento del ventenne e capire se altri fossero attivamente coinvolti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento