Rifornivano i giovani del paese di hashish e cocaina: arrestati tre nordafricani

Si tratta di due tunisini di 35 anni e di un connazionale 26enne: nella loro abitazione i carabinieri hanno trovato oltre 11mila euro in contanti

I soldi e la droga sequestrati a Curtarolo

Detenevano il monopolio della droga in paese. E i soldi rinvenuti nella loro abitazione ne sono la prova: i carabinieri di Piazzola sul Brenta coadiuvati dal Norm di Cittadella hanno arrestato E.M e K.A, entrambi tunisini 35enni, e H.M., connazionale di 26 anni.

I fatti

È successo a Curtarolo, dove i due 35enne risiedevano (il terzo risulta domiciliato a Milano): dopo una serie di controlli e appostamenti effettuati nell'ultimo mese i militari dell'Arma hanno appurato che molti giovani del posto (tra i 20 e i 30 anni) andavano a rifornirsi dai nordafricani, i quali si piazzavano abitualmente della loro auto nei pressi di alcuni giardinetti cedendo le dosi agli acquirenti che si palesavano di volta in volta, concludendo dai cinque ai dieci "affari" al giorno. I carabinieri hanno dunque deciso di intervenire, sorprendendo i tre con addosso quasi 5 grammi di cocaina e circa due grammi e mezzo di hashish. Il vero malloppo, però è stato rinvenuto nell'abitazione dei tunisini: nel corso della perquisizione, infatti, i militari hanno rinvenuto 11.395 euro in contanti e materiale per confezione le varie dosi di stupefacenti oltre a quattro telefoni cellulari.

Droga Soldi Curtarolo 2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue sulle strade padovane: frontale auto-furgone, un morto e due feriti

  • Luca Zaia attacca Poiana: «Non si può andare in tv a sputtanare il Presidente della Regione, ditelo a Pennacchi»

  • Clio all'ombra del Santo: apre a Padova il temporary store della celebre make-up artist

  • Tragedia lungo l'autostrada: padovano schiacciato sotto il suo camion

  • 30 secondi di pura magia: il video spot del Natale a Padova

  • Un corpo riaffiora dal canale. Il deambulatore abbandonato prima della tragedia

Torna su
PadovaOggi è in caricamento