Quarto arresto in cinque mesi, ma il pusher continua a spacciare. E non cambia zona

É finito in manette per l'ennesima volta uno dei volti noti del piccolo spaccio cittadino. In Italia con permesso di soggiorno per motivi umanitari, non abbandona il suo giro

I carabinieri del Norm in servizio ai giardini dell'Arena

Conosce ormai a menadito le camere di sicurezza della caserma cittadina Abdel Aziz Kamara, trentatrenne del Gambia che dallo scorso ottobre ci è finito quattro volte. Sempre per spaccio di marijuana.

Avvistato e fermato

Lo hanno scovato giovedì nel tardo pomeriggio i carabinieri del Nucleo radiomobile di Padova ai giardini dell'Arena. Notato mentre con fare inequivocabile cedeva una dose a un cliente, è stato poi perquisito e scoperto con addosso 9 grammi di marijuana e 30 euro appena racimolati spacciando. Elementi sufficienti per farlo arrestare con l'accusa di detenzione a fini di spaccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una sfilza di precedenti

Un provvedimento sul quale hanno pesato i curiosi precedenti dell'africano. La sua vicenda aveva destato scalpore a fine ottobre, quando è stato prima denunciato e poi arrestato in meno di due giorni. Poche settimane prima era già stato ammanettato e in tutti i tre casi stava spacciando marijuana a giovani clienti lungo passeggiata Miolati, che tra l'estate e l'autunno è diventata una roccaforte del traffico di stupefacenti. Condannato a sei mesi con pena sospesa e in Italia con un permesso umanitario, è tornato libero. Il 30 novembre il copione si è ripetuto identico, con il terzo arresto, e così pure ieri, con il quarto. La costante rimane il luogo: con i giardini dell'Arena tornati in mano ai pusher, anche Kamara ha potuto continuare a spacciare laddove ha stabilito la sua vera e propria base operativa. Si attende il pronunciamento del giudice al termine della direttissima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Ecco la nuova ordinanza con le riaperture del 25 maggio e del primo giugno»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento