Diciassettenne in manette: spacciava ai coetanei, droga e contanti in casa dei genitori

Un minorenne italiano è stato arrestato dai carabinieri che per due volte lo hanno visto cedere della marijuana a dei ventenni. Sconterà i domiciliari nella casa di famiglia

I carabinieri con lo stupefacente e il materiale sequestrato

Compirà 18 anni il prossimo autunno, ma aveva già messo in piedi un piccolo e redditizio business. Peccato fosse illegale, tanto da costargli l'arresto. É infatti accusato di detenzione a fini di spaccio un minorenne residente nella zona di Rubano.

Sotto controllo

Le manette sono scattate nei giorni scorsi, quando per due volte i carabinieri lo hanno sorpreso mentre vendeva a due ventenni una dose di marijuana. I militari di Carmignano e Gazzo lo tenevano sotto controllo da qualche tempo: i suoi spostamenti e le sue frequentazioni facevano sospettare che gestisse un piccolo giro di spaccio e dopo una serie di verifiche è arrivata la conferma.

Le accuse

A quel punto sono però intervenuti i militari. Mentre i due clienti venivano segnalati alla prefettura come assuntori, hanno perquisito il giovane pusher trovandogli addosso 16 grammi di marijuana. Il controllo si è dunque esteso alla casa dove vive con i genitori e dove è spuntato il suo tesoretto. Altri 65 grammi di marijuana, una piantina e tutto il necessario per farla crescere: luci artificiali, pannelli riflettenti, fertilizzanti. E poi l'occorrente per preparare e consumare le dosi, con bilancini e grinder, oltre alla prova delle cessioni: 1200 euro in contanti. Elementi che non hanno lasciato dubbi. Il ragazzo coltivava, produceva e vendeva lo stupefacente. Dopo la convalida dell'arresto nei suoi confronti sono stati disposti gli arresti domiciliari, che sconterà nell'abitazione dei genitori.

Due denunce

Due uomini sono invece stati denunciati negli ultimi giorni con la stessa accusa dai carabinieri di Padova. Lunedì il 24enne gambiano F.Y. è stato visto cedere due grammi di marijuana a un 36enne padovano in viale Colombo. Martedì è toccato al 26enne filippino M.J.L., trovato con addosso una dose di shaboo. Ha evitato l'arresto solo perché in casa la perquisizione non ha rilevato la presenza di altra droga ma solo di alcuni bilancini di precisione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento