menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pedinamenti, atti persecutori e violenze nei confronti della ex: stalker in manette

Non riusciva ad accettare la fine del loro rapporto e aveva quindi deciso di rendere la vita impossibile a quella che fino a poco tempo prima era la sua compagna, una 51enne di Albignasego. In due episodi era arrivato a picchiarla. Venerdì l'arresto

Nell'aprile scorso un'operaia 51enne di Albignasego ha deciso di interrompere la relazione con il suo convivente, un 63enne padovano. L'uomo non accettato di buon grado la decisione della compagna e ha iniziato a perseguitarla.

STALKING. Appostamenti sotto casa, pedinamenti nel tragitto casa-lavoro, si attaccava al citofono quando lei era in casa suonando il campanello e, in un episodio, una volta ha addirittura percorso chilometri e chilometri lungo la spiaggia di Sottomarina (Venezia) per capire in quale bagno si trovasse.

Recentemente due episodi più gravi hanno portato la donna a rivolgersi alle forze dell'ordine: si è fatto trovare sotto casa, l'ha baciata con forza e palpeggiata (da qui violenza sessuale). Respinto, le ha tirato un pugno in testa. Un'altra volta è andato sul posto di lavoro della donna con la scusa di volere un accappatoio dimenticato a casa e anche in quel caso le ha tirato un pugno in bocca. L'uomo venerdì è stato arresto per stalking. Sul 63enne, muratore, pendevano già precedenti per resistenza a pubblico ufficiale, rissa e rapina. Contestati i reati di atti persecutori, violenza sessuale e lesioni personali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Attualità

Perquisizioni e ostacoli alle Coop: il Dap "commissaria" il Due Palazzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento