menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La criminalità corre lungo i binari in provincia: ladri e spacciatori agiscono nelle stazioni

Nel giro di una settimana ci sono stati tre arresti e una denuncia nei dintorni degli scali ferroviari. Colti sul fatto due aspiranti ladri di biciclette

Non solo a Padova, anche tra i Colli e le Terme la zona preferita dai piccoli delinquenti è sempre la stessa: la stazione ferroviaria. Ideale per arrivare dalle zone limitrofe e ripartire in tempi rapidi dopo un giro di spaccio o qualche furto. Lo conferma il lavoro dei carabinieri, che in meno di una settimana hanno arrestato tre persone e ne hanno denunciata una quarta.

La strana coppia

L'ultima operazione risale alla sera del 1 novembre, con due aspiranti ladri colti in flagranza. Avevano puntato alle rastrelliere per le biciclette appena fuori dalla stazione di Terme Euganee, nel comune di Montegrotto. Sono un 51enne italiano e un 24enne tunisino. Il primo, originario di Caltagirone, è un noto pregiudicato che da tempo si è trasferito ad Abano. Il secondo è ufficialmente senza fissa dimora, ma bazzica nel padovano e come il compare ha anche lui diversi precedenti. Quando li hanno scoperti stavano cercando di rubare alcune biciclette con il favore dell'oscurità. Tentativo sfumato, che gli è costato un arresto per tentato furto e una notte in cella, prima di comparire venerdì mattina davanti al giudice.

Droga e arnesi da scasso

Non è la prima volta che negli ultimi giorni gli scali ferroviari della zona diventano teatro di piccoli reati. Nello stesso luogo la sera di venerdì 26 ottobre era stato arrestato un 18enne, scoperto a spacciare. A un giorno di distanza sono stati i carabinieri a intervenire nella stazione della Città della rocca, denunciando un 20enne trovato con arnesi da scasso e segnalato in prefettura per consumo di stupefacenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento