menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ha truffato mezza Italia vendendo auto e case vacanza, padovano in manette dopo dieci anni

Un 36enne padovano è stato intercettato vicino a casa e arrestato per numerosi episodi di truffa. Negli ultimi anni ha ripetutamente messo in vendita veicoli e ville risultati inesistenti

I carabinieri di Galzignano Terme e del Nor lo hanno rintracciato in via Vigonovese e lo hanno condotto in carcere, dando esecuzione a un ordine di carcerazione per una lunghissima serie di reati commessi in tutto il Nord Italia.

La condanna

Le accuse di truffa, calunnia aggravata in concorso e ricettazione risalgono a reati commessi in diverse regioni dell'Italia settentrionale tra il 2008 e il 2009 e sono confluite in una condanna definitiva a cinque anni, due mesi e un giorno. Ora S.A., 36enne nato e residente a Padova, dovrà scontare la pena al carcere di Due Palazzi, dove è stato condotto dopo l'arresto di sabato 28 aprile.

I reati

L'uomo, di professione commerciante e con numerosi precedenti penali, convive con la compagna nella zona di Tombelle ed è stato fermato poco lontano da casa a dieci anni di distanza dall'inizio della sua lunga carriera criminale. L'ordine di esecuzione per la carcerazione è stato emesso dalla Corte d'appello di Genova lo scorso 12 dicembre, ma i primi episodi contestati si sono verificati nel 2008. Nonostante la condanna il 36enne si è anche dimostrato recidivo, continuando negli anni a delinquere e dedicandosi in particolare alle truffe online.

I raggiri telematici

La sua tecnica ormai consolidata prevedeva di mettere in vendita automobili e motocicli pubblicando degli annunci sul noto sito Subito.it. Come molti altri truffatori, anche il padovano era solito farsi versare dagli acquirenti interessati una parte della somma a titolo di caparra, salvo poi sparire senza lasciare traccia e senza consegnare la merce. Numerosi gli assegni e i bonifici incassati sul conto bancario dell'arrestato, che oltre ai veicoli per un periodo ha anche messo in vendita delle fantomatiche case vacanza. Sullo stesso sito ha pubblicato alcune inserzioni per affittare lussuose ville in Sardegna, risultate però inesistenti. Proseguono le indagini dell'Arma per accertare l'eventuale coinvolgimento del padovano in altri raggiri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento