menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Rocca di Monselice

La Rocca di Monselice

Niente ascensore sulla Rocca di Monselice: lo stop dal Governo

La sottosegretaria del ministero per i Beni e le attività culturali ha risposto all'interpellanza del deputato padovano del Pd Zan, sulla base della consulenza tecnico-scientifica: "Interventi troppo invasivi"

Bloccato l'ascensore sulla Rocca di Monselice. La sottosegretaria del ministero per i Beni e le attività culturali Francesca Barracciu ha risposto martedì mattina in aula a Montecitorio all’interpellanza che il deputato padovano del Partito Democratico Alessandro Zan aveva depositato alcuni mesi fa. Nell’atto, il parlamentare aveva espresso  serie preoccupazioni sull’intento della regione Veneto e del comune di Monselice di riprendere i lavori di perforazione del colle della Rocca per l’installazione dell’ascensore interno e aveva chiesto al Governo di intervenire per valutare la sospensione del progetto al fine di preservare l’ambiente, il paesaggio e la sicurezza dei monselicensi.

NIENTE ASCENSORE SULLA ROCCA. “Fermo restando che attualmente non risulta persistere la situazione di pericolo imminente che ha comportato lo sgombero di alcune abitazioni nel 2013 - ha affermato il sottosegretario - permane tuttavia una situazione di graduale deterioramento della crosta del colle della Rocca dovuta, oltre che alla rottura del terreno, alla vegetazione selvaggia e alle innumerevoli fessure nelle quali gli agenti atmosferici trovano le condizioni che si traducono in smottamenti e frane".

PREGETTO "TROPPO INVASIVO". Barracciu ha poi specificato che il progetto era già stato esaminato dal comitato tecnico-scientifico per i beni architettonici e paesaggistici del Ministero, organo centrale di consulenza del Ministro, il quale ritenne che "gli interventi risultavano troppo invasivi e si consigliava una nuova e più appropriata proposta progettuale, come quella di un impianto con caratteristiche più leggere e di migliore qualità architettonica, senza ascensore né altri sistemi meccanici di risalita. Proposta però mai pervenuta al Governo da parte della regione Veneto". 

ZAN. "Finalmente anche il Ministero ha chiarito che la situazione del territorio del colle della Rocca è drammatica, e non consentiva né consentirà la costruzione dell’ascensore interno - ha dichiarato Zan - si tratta di un’ottima presa di posizione del Governo, che di fatto blocca ogni tentativo di riprendere i lavori salvo che il progetto non venga rivoluzionato in una chiave rispettosa dell’ambiente e delle bellezze architettoniche che circondano la Rocca e in cui comunque non vi sia la previsione di alcun ascensore interno".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento