Blocco auto vigilia di Natale, Bertin: «Il vero problema è il messaggio negativo»

«Nessuno mette in discussione l’importanza dell’ambiente ma non facciamoci del male»

«Vista la tanta pioggia di fine novembre, pensavamo di non dovercene ancora occupare, invece …» Invece è ancora blocco delle auto. E come è accaduto lo scorso anno, il divieto di circolazione per ben 170 mila vetture, arriva giusto a ridosso del Natale. Per cui il presidente dell’Ascom Confcommercio, Patrizio Bertin non può fare altro che ribadire: «Nessuno mette in discussione l’importanza dell’ambiente ma cerchiamo anche di non farci del male da soli».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contrastare il blocco

«Il blocco dei mezzi privati fino agli Euro 4 è, quasi più per la notizia in se stessa che non per l’effettiva ricaduta sui mezzi vista la gran quantità di deroghe, un danno enorme per il commercio del quale, sinceramente, non sentivamo il bisogno. Indipendentemente da questo, direi che comunque il danno è già stato fatto perchè ciò che viene percepito all’esterno è che Padova sia una città difficile da approcciare e, come avviene per la Ztl, di fronte all’incertezza, il consumatore che viene da fuori, rinuncia. Purtroppo – analizza Bertin – una decisione presa come “atto dovuto” e non analizzata nei suoi effetti a cascata, finisce per rappresentare un invito ai consumatori a puntare dritti sui centri commerciali fuori del perimetro del divieto e ancora di più ad utilizzare l’e-commerce. Vogliamo favorire gli uni e l’altro? Lo si dica, anche se sono persuaso che, nonostante tutto e considerata la gran quantità di iniziative attuate dall’assessorato al commercio per questo Natale, Padova anche questa volta saprà contrastare il blocco. Checchè qualcuno obietti che non è vero, la responsabilità delle auto nei confronti dell’inquinamento non raggiunge il 15% per cui continuo a ritenere, così come avviene per l’avversione verso i parcheggi, ex Prandina in primis, che l’obiettivo non sia la salute dei cittadini ma la crociata contro l’auto in quanto tale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggi a Villa Contarini, giardini aperti, visite, spettacoli e sagre: il weekend a Padova

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • I cani da adottare a Padova: tutti i cuccioli da accogliere in casa

  • Focolaio del Torresino: una persona positiva tenta la fuga, le forze dell'ordine lo bloccano (Video)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento