menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto da sx: Claudio Benatelli e un'immagine del Natale alle Terme (fonte Facebook)

In foto da sx: Claudio Benatelli e un'immagine del Natale alle Terme (fonte Facebook)

"Soldi dai commercianti" ad Abano Assessore indagato: concussione Benatelli: "Ho fatto il mio dovere"

Claudio Benatelli, assessore al Turismo e alle attività produttive nel comune di Abano Terme, è indagato con l'accusa di avere favorito alcuni ambulanti, nel corso delle manifestazioni comunali, in cambio di denaro

Avrebbe intascato dei soldi in cambio di una postazione di favore in occasione degli eventi comunali organizzati ad Abano Terme. L'assessore al Turismo e alle attività produttive della cittadina termale, Claudio Benatelli, avrebbe ricevuto una proroga dell'inchiesta che lo vede indagato per il reato di concussione.

"CONCUSSIONE". Secondo l'accusa, durante le manifestazioni che annualmente si svolgono ad Abano, in particolare il Natale delle Terme e la Notte rosa, l'assessore avrebbe ricevuto del denaro dai commercianti. Soldi che avrebbero garantito ai venditori una postazione di riguardo per la propria bancarella, all'interno dei mercatini, in modo da favorire un migliore incasso.

L'INCHIESTA. Le indagini sono state affidate alla Guardia di Finanza. Nel corso degli accertamenti, saranno sentiti oltre all'assessore, anche i commercianti, per far luce sui rapporti intrattenuti con Benatelli.

L'ASSESSORE. "Sono spiazzato - dichiara l'assessore - mi è stato notificato il prolungamento dei termini per effettuare questi accertamenti". Sulle carte ricevute da Benatelli, è indicato anche il periodo di tempo in cui gli investigatori intendono verificare la correttezza del suo operato: "Partono dal 1°gennaio 2011 - spiega l'assessore - mesi prima che iniziasse il mio mandato - infatti all'inizio non avevo neppure idea di cosa riguardasse questo avviso". 

"HO FATTO IL MIO DOVERE". Si dichiara completamente estraneo ai fatti, Claudio Benatelli, che non si spiega le ragioni di questa inchiesta contro di lui: "È vero, ho organizzato mercatini a più non posso - racconta - perché questo richiedeva la città, e grazie a queste attività Abano è rinata. Credo di avere fatto il mio dovere - commenta - ho spostato sedie, spalato la neve con i ragazzi. Di questi eventi - conclude - ne ho organizzati in maniera esponenziale, senza escludere nessuno e cercando di accontentare tutti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento