Attentati incendiari alla Gallo Road e a casa Mazzei: tre indagati padovani

I fatti erano stati commessi l’8 ed il 24 maggio a Padova presso l’abitazione della vittima e il 13 Agosto, a Mestrino all’interno di un cantiere dell’impresa di costruzioni

La Squadra Mobile di Padova ha identificato e denunciato i responsabili degli attentati incendiari avvenuti lo scorso anno ai danni dell’imprenditore padovano Filippo Mazzei. I fatti erano stati commessi l’8 ed il 24 maggio a Padova presso l’abitazione della vittima e il 13 Agosto, a Mestrino all’interno di un cantiere dell’impresa di costruzioni “Gallo Road” dello stesso Mazzei.

Le indagini

Le indagini hanno preso il via dall’analisi dei numerosi filmati di videosorveglianza pubblici e privati, che hanno permesso agli investigatori di notare due autovetture compiere diversi passaggi in prossimità dell’abitazione del Mazzei, proprio in concomitanza temporale con gli eventi delittuosi. Tra i circa 24000 veicoli individuati gli investigatori si sono concentrati su due auto, conosciute dagli inquirenti perché in uso a soggetti pluripregiudicati. Si è accertato, tra l’altro, che in occasione del primo episodio i malviventi avevano seguito il Mazzei durante il suo rientro in casa, evidentemente per essere sicuri della sua presenza al momento dell’incendio.

L'avviso

Le successive attività hanno poi suffragato l’ipotesi investigativa: l’esame dei dati del traffico telefonico ha collocato i sospettati su tutti e tre gli episodi delittuosi, mentre le perquisizioni hanno portato al rinvenimento, presso l’abitazione di uno degli indagati, di una scatola vuota di petardi della stessa marca e tipologia di quello usato per l’attentato incendiario del 24 maggio e, presso un ristorante gestito dallo stesso, di alcune taniche di olio alimentare identiche a quelle utilizzate per contenere il liquido infiammabile con il quale erano stati dati alle fiamme due mezzi pesanti e una macchina operatrice posti all’interno del cantiere di Mestrino. Il grave quadro indiziario è costato una notifica a tutte le persone coinvolte, tre uomini ed una donna, tutti italiani e residenti nel padovano, l’avviso di conclusione indagini preliminari con contestuale informazione di garanzia in ordine ai reati di detenzione illegale di materiale esplodente e di danneggiamento aggravato seguito da incendio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione #IoApro: l'elenco di bar e i ristoranti che aderiscono all'iniziativa

  • Andrea Pennacchi: «So taca na machina, ma respiro. Grazie a tutti i medici, sono in buonissime mani»

  • La pasticceria Le Sablon fa servizio al tavolo per #ioapro: prese le generalità a clienti e titolare

  • Famiglia si sbronza per "dimenticare" il parente morto: 17enne sviene, i genitori sfondano la porta del pronto soccorso per farlo curare

  • Solesino: primo comune italiano a dotarsi di un'Alfa Romeo Stelvio per la polizia locale

  • Fermati dalla polizia mentre acquistano cocaina. L'amara sorpresa, sono due agenti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento