Attivata, per tutti i consiglieri comunali di Camposampiero, la PEC

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

È stata attivata in questi giorni una Casella di Posta Certificata (P.E.C.) per ciascun consigliere comunale di Camposampiero. Ciò consentirà di smistare la corrispondenza istituzionale dei consiglieri, senza fare ricorso al messo comunale, garantendo il valore legale delle comunicazioni. Una scelta dell'amministrazione che mette in linea il Comune di Camposampiero con le disposizioni ministeriali e va nella direzione della cosiddetta "dematerializzazione" ormai dovuta per le amministrazioni pubbliche. Dematerializzare significa usare sempre meno carta e utilizzare i mezzi informatici per comunicare e consultare documenti, un risparmio considerevole per le casse comunali in termini di carta, uso delle stampanti, ore lavorate.

Katia Maccarrone, sindaco di Camposampiero spiega: "Ci eravamo impegnati già nei primi giorni di amministrazione a rendere operativo questo servizio per i consiglieri. Così abbiamo fatto. L'Amministrazione sta attivando tutta una serie di processi per la digitalizzazione e la dematerializzazione dei documenti dell'Ente, impegnandosi concretamente a ridurre il consumo di carta, permettendo così una riduzione dei costi e mostrando considerazione per l'ambiente."

La Posta Elettronica Certificata è un tipo particolare di posta elettronica, disciplinata dalla legge italiana, che permette di dare a un messaggio di posta elettronica lo stesso valore legale di una raccomandata con avviso di ricevimento tradizionale. Anche il contenuto può essere certificato e firmato elettronicamente oppure criptato garantendo quindi anche l'autenticazione, l'integrità dei dati e la confidenzialità.

www.katiasindaco.it

Torna su
PadovaOggi è in caricamento