menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vende biglietti falsi sull'autobus, autista indagato per truffa e contraffazione

L'indagine sarebbe partita dalla denuncia sporta ai carabinieri da due cittadini stranieri che, saliti su un mezzo di linea urbana a Padova senza biglietto, avrebbero acquistato il ticket a bordo rendendosi poi conto che era fasullo

Nei guai un autista di BusItalia che sarebbe finito nel registro degli indagati con l'accusa di contraffazione e truffa. Come riportano i quotidiani locali, l'uomo avrebbe venduto dei biglietti falsi a due cittadini stranieri saliti a bordo di un bus della linea urbana a Padova.

SENZA BIGLIETTO. I due immigrati avrebbero preso il mezzo senza essere in possesso del ticket di viaggio e, alla richiesta del biglietto da parte dell'autista, sarebbero stati obbligati all'acquisto a bordo. Avrebbero quindi consegnato 4 euro al guidatore (l'autista può infatti vendere leggittimamente i biglietti a bordo con importo maggiorato: 1.30 euro, costo del ticket in tabaccheria o edicola, maggiorato di 70 centesimi) e si sarebbero visti consegnare due biglietti che, al tatto, sarebbero apparsi anomali.

INDAGINE. Avrebbero quindi chiesto spiegazioni all'autista che non avrebbe prestato loro ascolto. A quel punto, scesi dal mezzo, i due stranieri sarebbero andati direttamente dai carabinieri. Sarebbero quindi scattate le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Sergio Dini, che un paio di settimane fa avrebbero portato i militari a casa dell'autista. Perquisizione che avrebbe dato esito negativo. L'indagine rimarebbe aperta e, il sospetto degli inquirenti, è che più di un autista possa aver adottato questa tecnica per "arrotondare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento