Presi a rubare catalizzatori di auto, due uomini agli arresti nel veronese. I colpi anche nel padovano

I colpi messi a segno anche nelle province di Verona, Vicenza, Brescia, Padova e Trento

Le indagini condotte dai militari e coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica Gennaro Ottaviano, hanno smascherato due veri e propri professionisti di furti di catalizzatori di auto. Partendo proprio da uno di questi episodi, avvenuto lo scorso mese di settembre ai danni di una vettura in sosta a Tregnago, in provincia di Verona, i carabinieri si sono messi sulle tracce dei malviventi, riuscendo a raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei loro confronti circa una serie di colpi messi a segno anche nelle province di Verona, Vicenza, Brescia, Padova e Trento. Furto aggravato e continuato in concorso è l'accusa mossa contro i due. Agli arresti anche un cittadino serbo 38enne, irregolare ed incesurato, e un 30enne croato, anch'egli irregolare ma pregiudicato. 

L'INDAGINE

Durante uno dei pedinamenti, effettuato il 26 gennaio a Montecchio Maggiore, nel Vicentino, è finito in manete un altro cittadino serbo di 30 anni per la ricettazione di 5 catalizzatori, tutti acquistati dai due “professionisti”. La refurtiva era destinata al mercato dell'Europa dell'est, dove sarebbe stata rigenerata o smembrata da ditte specializzate per il recupero di di metalli nobili quali il Rodio, il Palladio ed il Platino. La svolta decisiva alle indagini è arrivata giovedì, quando i due stranieri stavano per lasciare l’Italia per raggiungere la Serbia, come da loro stessi ammesso di fronte ai carabinieri che hanno notificato loro il provvedimento. Oltre a 7 catalizzatori gli uomini dell'Arma hanno sequestrato attrezzi vari, come crick e chiavi tagliatubi, utilizzati per tranciare i dispositivi senza intaccarne la funzionalità. Operazioni che in media hanno causato alle vittime un danno di circa 1500 euro. I due ladri quindi nella mattinata di sabato sono comparsi davanti al Gip del tribunale di Verona, che ha convalidato il provvedimento e disposto la custodia cautelare nel carcere di Montorio. 

IN AUMENTO I FURTI DI CATALIZZATORI

All’interno del catalizzatore sono presenti, infatti, metalli nobili (platino, palladio e rodio) che, rivenduti, possono fruttare fino a 100 euro a furto. Fino a poco tempo fa i furti dei catalizzatori in Italia erano poco frequenti, da qualche tempo invece sono in aumento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoravano in nero e percepivano il reddito di cittadinanza: scoperti dalla guardia di finanza

  • Tragedia nell’Alta Padovana: malore improvviso, 16enne perde la vita

  • Ex seminario Tencarola venduto a società bergamasca

  • Il sorpasso azzardato causa lo scontro tra auto: un ferito elitrasportato in ospedale

  • Sgomberato l'hotel Sollievo Terme: all'interno c'erano una cinquantina di persone

  • Coronavirus, positivi 5 bambini del centro estivo e 8 ragazzi tornati dalla vacanza in Croazia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento