rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Cronaca Savonarola / Via San Giovanni di Verdara

Trovati morti in casa, l'autopsia conferma il doppio suicidio

Il medico legale ha confermato quella che era la prima ipotesi degli inquirenti: Michele Schiavon si è ucciso per primo impiccandosi, la compagna Valentina Costa, disperata, lo ha seguito

Sono arrivati i risultati dell’autopsia sui corpi di Michele Schiavon, 54 anni, e Valentina Costa, 36 anni, trovati impiccati in una casa del centro storico di Padova. 

L’autopsia

Morte per soffocamento causato dall’impiccagione. È questa la sentenza del medico legale Rafi El Mazloum di Dolo (Venezia). Sul caso il sostituto procuratore Cristina Gava aveva aperto un fascicolo per omicidio, per non tralasciare nessuna pista. Probabilmente nei prossimi giorni sarà archiviato. Giovedì 27 gennaio dovrebbe arrivare il nulla osta per la celebrazione dei funerali. Termina il giallo che ha avvolto il ritrovamento dei due fidanzati in una casa di via San Giovanni di Verdara, impiccati nella tromba delle scale. Sembra che quel giorno i due avessero litigato, Costa era uscita di casa e quando è tornata ha trovato il compagno privo di vita. La donna avrebbe tentato di togliere il cappio al collo di Schiavon ma era troppo tardi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovati morti in casa, l'autopsia conferma il doppio suicidio

PadovaOggi è in caricamento