menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Traffico virus aviaria, atti inchiesta a procura Padova per competenza

Tra i 41 indagati figura anche Ilaria Capua, ex responsabile dell'Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie di Legnaro, eletta nel 2013 alla Camera con Scelta Civica. Che ha sempre rigettato ogni addebito

Il giudice dell'udienza preliminare del tribunale di Roma, Michela Francorsi, si è espressa venerdì in merito all'inchiesta su un presunto giro d'affari legato al virus dell'influenza aviaria, decidendo che gli atti vengano trasmessi, per competenza territoriale, alle procure di Verona, Pavia e Padova. La capitale si occuperà di reati minori come le false attestazioni e la rivelazione del segreto d'ufficio. Alle altre Procure invece andranno atti nei quali si ipotizzano la ricettazione, la corruzione, la somministrazione di medicinali in modo pericoloso per la salute pubblica, nonchè la tentata epidemia, la concussione e l'abuso di ufficio.

TRAFFICO INTERNAZIONALE DI VIRUS. Le indagini scaturirono il 9 aprile 2005 da un'informativa dei Nas. Il procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo, che ha chiesto il processo per le 41 persone che sarebbero coinvolte nel traffico illecito di virus, sostiene che un'associazione a delinquere sarebbe stata attiva dal 1999 al 2003, e avrebbe impiegato virus altamente patogeni (H9 e H7N3), di provenienza illecita, "al fine di produrre in forma clandestina, senza la prescritta autorizzazione ministeriale, specialità medicinali ad uso veterinario, procedendo poi, sempre in forma illecita, alla loro commercializzazione e alla loro somministrazione agli animali avicoli di allevamenti intensivi, determinando così il contagio di sette operatori del settore come accertato dall'Istituto Superiore di Sanità e, quale misura di prevenzione, l'abbattimento di milioni di capi di polli e tacchini" (danno, questo, da 40 milioni di euro).

ILARIA CAPUA A RISCHIO PROCESSO. Tra i 41 indagati, figura anche Ilaria Capua, ex responsabile del Dipartimento di scienze biomediche comparate dell'Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie di Legnaro, eletta nel 2013 alla Camera con Scelta Civica. Che finora ha sempre rigettato ogni addebito: "La storia della mia vita professionale dimostra che ho costantemente combattuto le epidemie con grandissima dedizione ed innegabile impegno morale - aveva dichiarato - ricordo che la mia professionalità e i risultati scientifici delle ricerche che ho condotto sono riconosciuti sia in Italia che all’estero".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento