menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cane avvelenato da polpetta rischia di morire: la denuncia della padrona

L'episodio è avvenuto venerdì a Civè di Correzzola: il border collie ha rischiato la vita ed è stato salvato dal veterinario. I carabinieri indagano su quanto accaduto per trovare il colpevole

«Non so se qualcuno ce l'abbia con la mia famiglia ma non penso. Mi hanno avvelenato il cane che è vivo per miracolo. Voglio giustizia e denunciare quanto accaduto per evitare che altri animali subiscano una cosa simile». La denuncia parte da Vitalina Aggio che insieme al marito Alvise Ferro vivono a Correzzola, nella frazione Civè e che nel fine settimana si sono ritrovati Lucky, il loro border collier di 5 anni, agonizzante nel giardino di casa.

La denuncia

«E' un anomale abituato a stare in giardino e non ha mai fatto del male a nessuno. Non abbia quindi non dà fastidio - spiegato la donna - venerdì l'abbiamo lasciato fuori qualche ora, stava bene e non c'era nulla di strano. Verso le 11 mio marito l'ha trovato a terra agonizzante. L'abbiamo portato prontamente dal veterinario ed è stato subito come avesse mangiato una polpetta avvelenata. L'ho trovata in giardino». Il cane è stato curato, non si conoscondo le conseguenze a lungo termine, ma al momento sembra fuori pericolo di vita mentre la polpetta è stata portata all'istituto zooprofilattico di Legnaro per essere esaminata. La famiglia ha poi sporto regolare denucia ai carabinieri.  «Se non ci fossimo subito accorti della sue condizioni di salute per il nostro cane non ci sarebbe stato nulla da fare. Viviamo in un quartiere residenziale di Civè di Correzzola in via Paltana e in quasi tutte le abitazioni ci sono cani. Nessuno si è mai lamentato e stiamo sempre attenti a rispettare gli tutti. Chi ha gettato la polpetta l'ha fatto solo per un'inaudità crudeltà»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento