menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Baby gang terrorizzava il centro: denunciati per spaccio ed estorsione tre ragazzini

Il gruppetto, costituito da un tunisino e un filippino di 20 anni e da un italiano di 19, aveva preso di mira un coetaneo derubandolo e tenendolo in scacco per questioni di droga. Altre vittime potrebbero non aver ancora denunciato i soprusi

Una baby gang costituita da ragazzini appena 20enni terrorizzava da chissà quanto tempo il centro storico di Padova, agendo soprattutto tra Prato della Valle e Riviere e prediligendo le fermate degli autobus. A farne le spese potrebbero essere numerose vittime, anche se ad oggi solo uno studente 19enne ha trovato il coraggio di denunciare i soprusi del trio che da tempo lo tormentava in ogni modo. Il gruppetto finito nei guai era costituito da due 20enni, un tunisino e un filippino, e da un italiano di 19. 

I SOPRUSI. I tre in passato avevano rapinato di un giubbotto di marca il coetaneo, studente all'ultimo anno delle superiori chiedendogli anche denaro per la restituzione dello stesso. In un'altra occasione gli avevano venduto 6 grammi di marijuana: lo studente non aveva pagato subito i 20 euro della droga e per "punirlo" i malviventi gli avevano chiesto il doppio dell'importo pattuito, circa 40 euro. Non solo: una volta, sull'autobus, lo avevano anche rapinato dello zaino con dentro i libri. Un vero e proprio tormento per il giovane che agli incontri spesso portava la madre e il nonno per "proteggerlo" a distanza. Per paura non aveva mai denunciato quanto subito, fino a quando si è deciso a raccontare tutto ad alcuni carabinieri che lo avevano avvicinato in zona stazione dopo averlo notato che si aggirava con fare preoccupato.


PERQUISIZIONI. Giovedì, quindi, sono scattate le perquisizioni: il filippino è stato arrestato in flagranza per estorsione e per il possesso di 6 grammi di coca e due di marijuana e 4 cellulari smartphone di dubbia provenienza. Processato per direttissima, ha l'obbligo di firma. Il 20enne tunisino è stato trovato in possesso di un bancomat, mentre a casa dell'italiano sono state trovate 9 dosi di eroina per un totale di 3,13 grammi. Come abbiamo detto tante altre potrebbero essere le vittime del gruppetto: i carabinieri invitano chiunque abbia subito episodi simili che potrebbero essere imputati alla stessa baby gang di farsi avanti e denunciare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento