menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mesi di vandalismi a Cavino, "beccati" in flagrante tre ragazzini di 12 e 13 anni

Avevano marinato la scuola. Sorpresi a danneggiare l'intonaco del centro polifunzionale. Il vice sindaco: "Sono cascati nella nostra trappola, ora smantellare tutta la banda"

Giostrine spaccate, cestini rotti, parchi pubblici ed edifici comunali sporcati e vandalizzati. Sono numerosi gli episodi di atti vandalici registratisi negli ultimi mesi a Cavino di San Giorgio delle Pertiche. Andavano avanti da giugno e a commetterli erano ragazzini giovanissimi, che non esitavano a marinare la scuola per mettere a segno le proprie "bravate". Così è stato anche giovedì mattina, ma questa volta il "trappolone" teso dal Comune di concerto con la polizia locale del Camposampierese ha dato i suoi frutti e tre "bulletti" tra i 12 e i 13 anni sono stati "beccati" - come si suol dire - con le mani nel sacco.

BABY-VANDALI COLTI SUL FATTO. È stato un operaio comunale a dare l'allarme. Al loro arrivo, i vigili hanno sorpreso il trio mentre era intento a danneggiare l'intonaco esterno della sala polivalente di Cavino. Sul posto è arrivato anche il vicesindaco Davide Scapin, che, con il sindaco Piergiorgio Prevedello, si è impegnato, in questi mesi, a fronteggiare una situazione divenuta ormai esasperata: "Avevamo deciso di farli cascare nella nostra rete, volevamo coglierli sul fatto e per questo abbiamo disposto dei controlli mirati da parte della polizia locale, anche con agenti in borghese", spiega. Così è stato, almeno per tre componenti della banda (ne farebbero parte almeno 7-8 persone): "Il nostro obiettivo è smascherarli tutti e porre fine a questi continui vandalismi".

RIACCOMPAGNATI A SCUOLA DAI VIGILI.  Intanto, giovedì mattina, i tre giovanissimi sono stati scortati a scuola dalle auto della polizia locale. Il preside dell'istituto ha inoltre convocato d'urgenza i loro genitori e non è escluso vengano presi provvedimenti, anche alla luce delle assenze dalle lezioni. Vistisi scoperti, i ragazzini avrebbero ammesso le proprie responsabilità, anche in merito agli episodi verificatisi negli scorsi mesi.

IL VICESINDACO: "IDENTIFICARLI TUTTI". "Era una situazione divenuta ormai insostenibile - spiega Scapin - per mesi ci siamo trovati di fronte a queste continue distruzioni. Danni pesanti anche in termini economici per il Comune. Mi auguro che tutti i componenti di questa banda vengano identificati e che si ponga fine una volta per tutte a questi episodi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento