menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bagnoli, catturati i rapinatori violenti: la dinamica completa

Ubriachi, i tre marocchini già assicurati alla giustizia e ritenuti colpevoli della rapina con annesso pestaggio ai danni del pensionato di Bagnoli, erano intenzionati a fare cassa. Sapevano che l'anziano aveva appena acquistato una tv nuova. La vittima è ancora ricoverata in ospedale in gravi condizioni

saidi-azziz saidi-majdi

Si erano incontrati in un bar e avevano bevuto alcune bottiglie di birra. In preda agli effetti dell’alcool, ed essendo a corto di denaro, avevano concordato di recarsi nell’abitazione della vittima, da loro conosciuta, per rubargli il televisore lcd da poco acquistato. Questo l'incipit della brutta vicenda che ha avuto per protagonista Vittorio Gobbo, 72enne pensionato rapinato e picchiato nella notte tra sabato e domenica nella sua abitazione di San Siro a Bagnoli di Sopra.

LA DINAMICA. Intorno all'1, raggiunta la casa del pensionato, mentre uno dei marocchini faceva da palo attendendo in strada a bordo dell’autovettura, gli altri due sono entrati all’interno dell’abitazione, hanno aggredito l’anziano alla testa con una pietra e una bottiglia, lasciandolo agonizzante a terra e si sono allontanati portandosi via il televisore lcd e 600 euro in contanti. Gobbo, a causa delle ferite riportate, si trova tuttora ricoverato in gravi condizioni nel reparto di terapia intensiva all’ospedale di Monselice.
 
I FERMATI. I tre, alle cui calcagna c'erano i carabinieri di Abano Terme, sono stati identificati, localizzati e sottoposti a fermo di polizia giudiziaria per il reato di rapina aggravata in concorso. Risultano residenti nei comuni di Agna, San Pietro Viminario e Cona (Ve): Khalid T., Majdi S. e Azziz S. (rispettivamente di 24, 27 e 28 anni). Attualmente sono riinchiusi al carcere Due Palazzi a disposizione dell’autorità giudiziaria.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento