menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
A destra l'ospedale San Camillo del Lido di Venezia

A destra l'ospedale San Camillo del Lido di Venezia

Beve dalla bottiglietta d'acqua, ma è candeggina: biologa si ustiona

L'incidente nei giorni scorsi all'istituto San Camillo del Lido di Venezia. Malcapitata vittima una 30enne padovana che lavora nei laboratori della struttura sanitaria. Presentato un esposto contro ignoti

Beve dalla bottiglietta d'acqua che aveva lasciato sulla propria postazione di lavoro e avverte subito un forte bruciore al palato e alla gola. Urla e chiede aiuto. Come riporta il Gazzettino, un preoccupante incidente si è verificato all'ospedale San Camillo del Lido di Venezia. Quanto volontario o meno lo si vedrà, visto l'esposto contro ignoti presentato dalla dirigenza della struttura sanitaria. Un atto dovuto.

USTIONATA DALLA CANDEGGINA. Per capire cosa sia accaduto serve tornare indietro di qualche giorno. Una biologa poco più che trentenne padovana sarebbe tornata nel laboratorio dell'istituto dopo qualche ora di attività in altri luoghi dell'edificio. Avrebbe allungato la mano e avrebbe preso quella bottiglietta d'acqua personale che lascia sempre allo stesso posto. Ma qualcosa invece era cambiato. Subito le colleghe accorse alle urla per capire cosa fosse accaduto annusano il contenuto della bottiglia, capendo che all'interno c'era anche candeggina. Una sostanza molto utilizzata in quel laboratorio, specie per pulire a fondo, mischiata con l'acqua, le attrezzature professionali. Ma la biologa è sempre stata convinta di avere bevuto dalla "sua" bottiglietta.

TUTTE LE PISTE. Allora come ci è finita dentro la sostanza ustionante? Impossibile per ora saperlo, ma la polizia ha già sequestrato il contenitore. Si indaga a 360 gradi: alla base ci potrebbe essere stata una banale incomprensione, o magari un errore di disattenzione. Ma non è possibile per ora escludere nemmeno la pista del gesto volontario, magari per uno scherzo di cattivo gusto. In ogni caso la biologa dopo l'incidente è tornata il prima possibile a Padova, dove si è fatta sottoporre a una visita medica. Riportava inevitabili bruciature alla cavità orale, ma nel complesso le sue condizioni erano buone. Tant'è vero che è già tornata al lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento