rotate-mobile
Cronaca Cittadella

Bimba nata morta, il Tribunale riconosce l'iscrizione all'anagrafe

La sentenza a conclusione di una lunga battaglia legale tra una coppia padovana e il comune di Cittadella, oppostosi al riconoscimento perchè secondo l'interpretazione prevalente della legge la figlia era nata morta prima delle 28 settimane

"Contrariamente a quanto pensa la maggior parte delle persone, per noi un bimbo nato morto deve avere la dignità di ogni altro bambino". È il commento di una coppia di genitori padovana che, a seguito di una lunga battaglia legale, ha ottenuto di poter iscrivere il nome della propria bambina nata morta nel 2008 nel registro dell'anagrafe civile di Cittadella, il comune in cui risiedono.

LA STORIA. Celeste, questo il nome scelto per la figlia, era nata morta prima delle 28 settimane di età gestazionale intrauterina. Secondo l'interpretazione prevalente della legge, solo ai bimbi nati morti dopo la 28° settimana di gestazione viene riconosciuta la dignità di feto, e possono perciò essere iscritti nel registro anagrafico delle persone decedute. Fino al settimo mese di gestazione viene utilizzata invece la definizione di "prodotto abortivo", termine che i due genitori non avevano mai voluto accettare.

LA BATTAGLIA LEGALE. La richiesta dei genitori di Celeste era stata accolta in un primo tempo dal giudice onorario del Tribunale di Cittadella. Ma il Comune, avvalendosi anche delle prescrizioni del regolamento cimiteriale, aveva negato l'iscrizione della bambina nel registro di stato civile quale nata morta. La battaglia legale è proseguita con il ricorso dei genitori. Due giorni fa il Tribunale di Padova, in composizione collegiale con la partecipazione del Pm, ha emesso la sentenza che dispone la formazione tardiva dell'atto di nascita a cura dell'Ufficiale di Stato Civile del comune di Cittadella. Il fenomeno della 'natimortalita'', hanno sostenuto i due genitori padovani, inciderebbe in Italia sul 4% del numero di nascite, pari a circa 180mila casi l'anno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimba nata morta, il Tribunale riconosce l'iscrizione all'anagrafe

PadovaOggi è in caricamento