menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il bimbo viene prelevato da scuola

Il bimbo viene prelevato da scuola

Bimbo conteso: silenzio dalla famiglia, lunedì fiaccolata di solidarietà

Silenzio da parte della famiglia del bambino portato via in seguito alla decisione del giudice e dopo la segnalazione della Questura per resistenza a pubblico ufficiale. Lunedì a Cittadella manifestazione di solidarietà

Anche Cittadella è rimasta scossa dalla vicenda del bambino conteso dai genitori e portato via coercitivamente dalla polizia e dal padre dopo la decisione del giudice di affidare il minore proprio a quest’ultimo.

LA FIACCOLATA. Per questo motivo gli abitanti del comune in provincia di Padova hanno organizzato per lunedì sera una fiaccolata in segno di solidarietà e di sostegno al ragazzo. Il corteo partirà dal duomo di Cittadella e si concluderà davanti alla scuola, dove il bambino di dieci anni è stato prelevato dal padre e dagli agenti.
 

MERCOLEDÌ: BIMBO AFFIDATO AL PADRE PRELEVATO CON FORZA A SCUOLA

 

GUARDA IL VIDEO TRASMESSO SU CHI L'HA VISTO?

 

IL CAPO DELLA POLIZIA MANGANELLI APRE UN'INCHIESTA INTERNA

 

MINISTRO CANCELLIERI: "IMMAGINI DRAMMATICHE, CAPIRE PERCHÈ"

 

LA RELAZIONE DEI FATTI IN PARLAMENTO: "ESPRESSIONI NON PROFESSIONALI" DELLA POLIZIA



A ROMA. Un’iniziativa che si collega al flash-mob inscenato a Roma da decine di cittadini, tra cui molte mamme, davanti al Ministero della Giustizia a Roma, dove al grido di "liberiamo i bambini", si è chiesto che "i piccoli siano al centro del sistema giudiziario e vadano ascoltati, perché vanno tutelati più dei genitori".

SILENZIO. Intanto la madre del ragazzo di Padova e la famiglia, dopo la segnalazione della Questura di Padova, si trincerano dietro ad un no comment ma si sa che parteciperanno alla fiaccolata.

INDAGINI. Sul fronte giudiziario, infine, a pesare potrebbero essere anche i possibili risvolti giudiziari relativi agli atteggiamenti tenuti, in particolare dalla madre, per opporsi all'operato dei carabinieri e poi della polizia in altri due casi, il 24 agosto e il 4 settembre. In queste due occasioni le forze dell'ordine non avevano dato seguito all'esecuzione del provvedimento dei giudici minorili ma avevano stilato dei verbali trasmessi alla procura.

 

LA MADRE AL CONTRATTACCO: RICORSO IN TRIBUNALE E DENUNCIA PERITO PSICHIATRICO

 

LA PROVINCIA DI PADOVA VOTA ODG "DIFENDIAMO LEONARDO"

 

LA QUESTURA DI PADOVA: "ECCO COME E PERCHÈ SONO ANDATE LE COSE"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento