Blitz 100% animalisti nella notte: cartelli e minacce nei confronti dei cacciatori

I militanti hanno affisso in zona San Pietro Viminario, tra Conselve e Cartura, manifesti che indicano l’atteggiamento che terranno nei rapporti con le doppiette

Riceviamo e pubblichiamo

"Un residente a S. Pietro Viminario, la settimana scorsa, ha denunciato pubblicamente la tracotanza dei cacciatori che sparano, senza riguardi, in prossimità e in direzione di case e strade, mettendo in pericolo chi ci abita o ci passa. Il fenomeno, per niente raro, si riscontra anche nei paesi vicini, essendo la zona molto frequentata dai cacciatori. I quali si sentono autorizzati ad invadere le proprietà private, e sparare senza osservare le minime norme di sicurezza. Aggiungendo che la maggior parte di loro è anziana, e dedita ad abbondanti libagioni, si capisce come i residenti si sentano assediati e in costante stato di pericolo".

Cartelli minacciosi

"Oltre a massacrare migliaia di animali, questi psicopatici inquinano il territorio con piombo, plastica e rame, e sono pericolosi per tutti. E non solo per chi esce di casa, visto che spesso i pallini arrivano fino alle finestre delle abitazioni. La caccia va abolita, in ogni sua forma; le autorità competenti dovrebbero intervenire; ma gli stessi abitanti del luogo devono organizzarsi per reagire alle prepotenze degli assassini con licenza. I cacciatori per indole sono vigliacchi. Militanti di 100x100 animalisti, nella notte tra il 24 e 25 giugno, hanno affisso in via Levà in zona San Pietro Viminario, tra Conselve e Cartura, manifesti che indicano chiaramente l’atteggiamento da tenere nei rapporti con i cacciatori, ma soprattutto un avviso per gli assassini legalizzati che 100x100 animalisti, all’apertura della caccia, soprattutto in quella zona, non starà a guardare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione #IoApro: l'elenco di bar e i ristoranti che aderiscono all'iniziativa

  • Andrea Pennacchi: «So taca na machina, ma respiro. Grazie a tutti i medici, sono in buonissime mani»

  • La pasticceria Le Sablon fa servizio al tavolo per #ioapro: prese le generalità a clienti e titolare

  • Famiglia si sbronza per "dimenticare" il parente morto: 17enne sviene, i genitori sfondano la porta del pronto soccorso per farlo curare

  • Solesino: primo comune italiano a dotarsi di un'Alfa Romeo Stelvio per la polizia locale

  • Fermati dalla polizia mentre acquistano cocaina. L'amara sorpresa, sono due agenti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento