rotate-mobile
Cronaca Prato / Prato della Valle

Stasera il Botellon, il prefetto: “No in solidarietà a vittime terremoto”

La richiesta del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica convocato dal capo della prefettura ieri pomeriggio. Anche per non distogliere il personale dai servizi di soccorso in Emilia e nel padovano

Scatta stasera, mercoledì 30 maggio, l'ora “X” per il Botellon, il maxi raduno spontaneo di giovani frutto del tam tam via Facebook che prevede il ritrovo di migliaia di persone a Padova in Prato della Valle con consumazioni portate direttamente da ciascun partecipante. Al massimo un litro di alcolici a testa, secondo l'ordinanza emessa dal sindaco Flavio Zanonato.

1 LITRO A TESTA AL MASSIMO: L'ORDINANZA DEL SINDACO

RIVEDERE I PROGRAMMI. Ma i recenti fatti, l'ultima potente scossa di ieri mattina che ha provocato ulteriori gravi danni e numerose vittime in Emilia, nonché lievi danni e disagi anche nel Padovano, in particolare con distacchi di intonaci e calcinacci agli edifici storici del capoluogo, dovrebbero – secondo il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato ieri pomeriggio dal prefetto Ennio Mario Sodano – far rivedere i programmi.

29.05.2012: E' DI NUOVO TERREMOTO

NO AL BOTELLON. “L'auspicio è che l’evento – riferisce il prefetto - peraltro non autorizzato, non abbia luogo innanzitutto in segno di solidarietà con quanti stanno soffrendo e con le vittime del sisma, in secondo luogo a tutela della sicurezza stessa degli eventuali partecipanti ed infine per non distogliere il personale dagli importanti servizi di soccorso che in questo momento è chiamato a svolgere nelle zone terremotate dell’Emilia Romagna e nel territorio padovano”.

I PROMOTORI: "ECCO PERCHE' SI FARA' LO STESSO"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stasera il Botellon, il prefetto: “No in solidarietà a vittime terremoto”

PadovaOggi è in caricamento