menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Plico sospetto con polvere bianca indirizzato a Equitalia, sul posto polizia e vigili del fuoco

L'allarme è scattato intorno alle 12.30 di giovedì, negli uffici di via Longhin, a Padova Uno. Attivato il protocollo previsto in casi simili, il contenuto è al vaglio degli organismi competenti

Nella sede di Equitalia di via Longhin è stato rinvenuto, tra la corrispondenza, un plico sospetto, che parrebbe contenere della polvere bianca, di una sostanza ancora tutta da chiarire.

NUMEROSI I PRECEDENTI SIMILI IN EQUITALIA A PADOVA

GLI ACCERTAMENTI. L'allarme è scattato intorno alle 12.30, negli uffici di Padova Uno. Attivato il protocollo previsto in casi simili, il contenuto è al vaglio degli organismi competenti. Sul posto gli addetti dell'ufficio Igiene competente dell'Ulss 16, i vigili del fuoco e la polizia. I pompieri hanno apposto i sigilli solo al locale adibito allo smistamento della posta. Il plico sospetto sarà trasmesso al laboratorio dei vigili del fuoco di Mestre per accertare la natura della polvere presente al suo interno.

PISTOLA SEQUESTRATA. Una pistola in uso a una guardia giurata, essendo entrata in contatto con il plico, è stata messa in sicurezza dai vigili del fuoco e sequestrata a titolo preventivo. Nessuna persona risulta intossicata.

EPISODI IN TUTTO IL NORD ITALIA. Oltre che a Padova, buste sospette sono arrivate a partire da mercoledì mattina ad Aosta, Biella, Torino, Verbania, Piacenza, Genova, Imperia, Bologna Cuneo e Milano, dove sono arrivati più plichi sospetti. Diverse persone sono state messe in isolamento e portate all'ospedale per accertamenti, ma nessun elemento in grado di chiarire la vicenda è ancora emerso. In Veneto, è finita nel mirino anche la sede di Equitalia a Rovigo, quando tra la posta smistata è stata trovata una busta sospetta, contenente della polvere. Temendo la possibilità che potesse trattarsi di qualche sostanza tossica, sono stati fatti intervenire i vigili del fuoco, con le unità contro il rischio batteriologico, e i circa 30 dipendenti della sede sono stati fatti uscire dagli uffici. Sul posto sono giunte anche le forze dell'ordine e alcune ambulanze. Poi l'allarme è cessato, perchè dai primi riscontri il materiale nella busta non avrebbe mostrato evidenze di pericolosità. Stesso allarme nella sede di Equitalia a Belluno, in via Vittorio Veneto. Negli ultimi due giorni numerose buste di questo tipo sono state consegnate a varie sedi di Equitalia in tutto il nord Italia, con dentro della polvere. Dalle prime analisi svolte in altre sedi è emerso che non si tratta di antrace.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento