menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il materiale sequestrato questa mattina dalla polizia provinciale di Padova

Il materiale sequestrato questa mattina dalla polizia provinciale di Padova

Cittadella, cacciatore di frodo uccide specie protette col silenziatore

Il fatto questa mattina. Numerosi i reati contestati a un italiano beccato dalla polizia provinciale in flagrante mentre abbatteva un verzellino, parente stretto del canarino selvatico, la cui caccia è vietata

Possesso illegale di silenziatore, caccia senza licenza, abbattimento di specie protetta e uso di un apparecchio elettroacustico. Questa la lunga lista di reati contestati a un cacciatore di frodo beccato in flagrante e denunciato questa mattina a Cittadella dalla polizia provinciale di Padova.

BECCATO SUL FATTO. Gli agenti, avvertito il richiamo acustico vietato dalla legge, si sono appostati vicino all’abitazione da cui proveniva il suono, affacciata su un prato con un albero, sul quale si erano posati alcuni volatili, attirati dal richiamo. Poco dopo, hanno sentito uno sparo “soffocato” e notato una persona armeggiare dietro una tenda. L’uomo, un cittadino italiano, ha sparato di nuovo ed è uscito dal suo nascondiglio per prendere la “preda”. Gli agenti sono immediatamente intervenuti. L'esemplare abbattuto è risultato essere un verzellino, parente stretto del canarino selvatico, la cui caccia è assolutamente vietata.

SEQUESTRATO UN ARSENALE. Il cacciatore di frodo ha consegnato spontaneamente sette cartucce, il richiamo elettroacustico, un fucile da caccia modificato con un silenziatore. Gli agenti hanno poi scoperto, in un armadio poco lontano, altri due fucili da caccia. L'intero "arsenale", assieme alla povera preda, sono stati sequestrati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento