rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Cronaca Cadoneghe / Via Piave

Blitz all'alba in una palazzina: droga e cittadini irregolari

L'attività ha visto impegnate tutte le forze di Polizia. Identificati numerosi cittadini con precedenti alle spalle, recuperata sostanza stupefacente. Il plauso della gente del quartiere per l'intervento

Forze dell'ordine in azione oggi, 13 ottobre, in via Piave a Cadoneghe nel condominio dove fu assassinata Aycha El Abioui per mano del marito. Obiettivo di Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia locale, rintracciare possibili cittadini irregolari sul territorio nazionale e stroncare eventuali traffici di sostanze stupefacenti. L'intervento è stato richiesto da tempo dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Marco Schiesaro.

I numeri

Sono state identificate 30 persone, tra cui due minori. Gli agenti in divisa hanno proceduto al controllo di numerosi appartamenti e dei garage annessi all’edificio e, grazie alla presenza di personale dell’Ufficio Immigrazione, sono state disposte 3 espulsioni, una delle quali eseguita mediante accompagnamento al CPR di Gradisca già nel pomeriggio odierno, a carico di due cittadini di nazionalità tunisina ed un nigeriano. Si tratta di due quarantenni e un diciottenne pregiudicati con precedenti in materia di stupefacenti, risultati irregolari sul territorio nazionale. Nel corso dei controlli, con l’ausilio dell’unità cinofila della Polizia di Stato, sono stati rinvenuti e sequestrati all’interno di uno degli appartamenti 17 grammi di cocaina e 18 grammi di hashish, per i quali ha operato personale dell’Arma. Sono in corso accertamenti da parte del personale tecnico del Comune di Cadoneghe in merito alle condizioni di igiene di alcuni locali e verifiche a opera della Guardia di Finanza sulla regolarità dei contratti di locazione degli appartamenti.

Schiesaro

«E' una risposta alla mia gente di Cadoneghe che mi chiedeva di fare chiarezza su uno stato di degrado che ormai non poteva più andare avanti. Abbiamo provveduto anche a convocare il proprietario del condominio per valutare possibili irregolarità nei contratti d'affitto e la presenza all'interno delle singole abitazioni di stranieri non regolari in Italia. Con questa operazione chiudiamo il cerchio anche attorno alle polemiche legate all'abbandono di rifiuti alla vicina isola ecologica che aveva creato il disappunto della collettività. Saremo sempre vicini alla nostra gente e la legalità sarà fino alla fine il motivo conduttore del mandato amministrativo della mia squadra».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz all'alba in una palazzina: droga e cittadini irregolari

PadovaOggi è in caricamento