Padova si candida a Patrimonio Mondiale dell'Unesco per il 2019: ecco l'Urbs Picta

Si tratta dell'unica candidatura italiana e comprende diversi luoghi simbolo della città del Santo, più il Castello dei Carraresi con un nuovo percorso tra le opere d’arte

Padova è stata candidata dal governo con l’Urbs Picta per avere il riconoscimento di Patrimonio mondiale dell’Unesco 2019. La candidatura è stata portata avanti dal Comune insieme alla Diocesi, all’Accademia Galileiana, alla Veneranda Arca del Santo e all’Università.

I LUOGHI DEL PERCORSO

L’Urbs Picta è la sola candidatura italiana per l’ambito riconoscimento e comprende diversi luoghi simbolo della città del Santo, più il Castello dei Carraresi e prevede un percorso tra le opere d’arte sparse lungo il territorio padovano. Il progetto adesso dovrà essere valutato dall’apposita commissione. Sono quattro le strade che si aprono. La prima prevede che avvenga l’iscrizione alla lista di Patrimonio Mondiale, la seconda il rinvio con la formula di una nuova proposta, la terza il deferimento con la revisione del dossier oppure la bocciatura dell’intero progetto. La candidatura come Urbs Picta prevede i monumenti Scrovegni ed Eremitani, le piazze con il palazzo della Ragione, la Regia Carrarese e il Duomo, la Cittadella Antoniana con la Basilica e tutta l’area del Castello dei Carraresi con l’oratorio di San Michele.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento