Non solo abbandono, centinaia di cani scappati da casa e recuperati da veterinari

A dirlo l'Ulss 16 che precisa: "Nel 2015 sono stati recuperati 844 cani vaganti custoditi nel canile sanitario a Selvazzano. Di questi l'82% sono stati restituiti ai proprietari e identificati attraverso il microchip, segno di una dinamica non riconducibile al fenomeno dell'abbandono"

Si parla spesso del fenomeno dell'abbandono dei cani durante il periodo estivo ma spesso accade che l'animale si allontani volontariamente in seguito ad uno stress o ad una errata gestione del fido da parte del padrone. A dirlo sono i dati dell'Ulss 16.

DATI. Lo scorso anno sono stati 844 i cani vaganti recuperati e custoditi nel canile sanitario dell’azienda Ulss 16 di via Bressan 4 a Selvazzano Dentro. Di questi 699, l'82%, sono stati restituiti ai proprietari e identificati attraverso il microchip, segno di una dinamica non riconducibile al fenomeno dell’abbandono quanto derivante da fughe per una non corretta custodia da parte dei proprietari, oppure, altre volte conseguenti a stress improvvisi causati da temporali estivi e fuochi d’artificio. 

NON SOLO ABBANDONO. "Più che a veri e propri abbandoni – spiega Aldo Costa, dirigente veterinario e direttore della struttura complessa d’igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche dell’Ulss 16 di Padova - siamo di fronte a smarrimenti per scarsa conoscenza e poca attenzione da parte del proprietario del cane, non sempre in grado di prevedere o gestire situazioni straordinarie di criticità, generanti reazioni comportamentali incontrollate da parte del suo migliore amico". E’ comunque possibile far fronte a possibili eventi traumatici per la salute canina, come spiega ancora il dottor Costa: "Temporali e spettacoli pirotecnici possono provocare alterazioni dell’equilibrio psico-fisico nei nostri animali domestici, che rispondono con la fuga. L’attenzione consiste nel garantire ai propri animali vicinanza e ricovero in luoghi sicuri, senza il bisogno di trattamenti farmacologici con antipsicotici o tranquillanti. Tutto questo salvo diversa prescrizione del medico veterinario curante".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CANI MORSICATORI. Per quanto riguarda le reazioni incontrollate di natura aggressiva, nel 2015 sono stati 456 i cani segnalati come morsicatori, dei quali 74 dichiarati irreperibili dal nucleo specializzato dei cinovigili dell’ULSS 16 contro i 382 regolarmente visitati dai medici veterinari dell’azienda. In caso di segnalazioni o per avere maggiori informazioni è possibile rivolgersi ai presidi veterinari dell’ULSS 16:  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

  • Live - Coronavirus, un nuovo decesso all'ospedale di Padova

Torna su
PadovaOggi è in caricamento