Nove cani malati stipati al buio in un capannone abusivo a Merlara

Una donna di 41 anni è stata denunciata per maltrattamento di animali. Aveva raccolto alcuni esemplari pensando, forse, di potersene prendere cura. Il veterinario ne ha accertato invece le precarie condizioni cliniche

Il canile abusivo

Erano lì, stipati al buio, la luce elettrica che si accendeva soltanto al passagio di qualcuno all'interno del capannone in cui erano stati rinchiusi. Sono stati trovati così, in condizioni di salute precarie, i nove cani ora affidati alle cure del canile Val di Masi a Merlara.

CANILE ABUSIVO. Probabilmente era animata da buone intenzioni la donna di 41 anni, casalinga, residente a Merlara, denunciata per maltrattamento di animali dai carabinieri della stazione di Casale di Scodosia. I militari, ricevuta segnalazione di un canile abusivo in via Battipaglia, nel pomeriggio di lunedì sono andati a verificare personalmente. All'interno della struttura erano stati raccolti nove cani di diverse razze, tutti sofferenti e malati.

MALTRATTAMENTO DI ANIMALI. Gli animali sono stati visitati da un veterinario dell'Ulss 17 che ne ha accertato le precarie condizioni cliniche. La donna che li aveva raccolti e portati in quel capannone pensava probabilmente, a modo suo, di potersene prendere cura. Ma il fine benevolo non le ha comunque risparmiato la denuncia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Tra incredulità e gioia: al ristorante Radici di Padova si presenta Martin Scorsese

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Dramma nella Bassa: si è tolto la vita Stefano Farinazzo, sindaco di Casale di Scodosia

  • Ristorante la sera, discoteca abusiva la notte: dopo il blitz stop ai balli

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento