menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vuole riparazioni gratis perché è un carabiniere: accusato di estorsione

Un militare di Castelfranco Veneto avrebbe minacciato il rivenditore, di Villafranca Padovana, da cui aveva acquistato un'auto, pretendendo dei lavori gratuiti per sistemare alcuni guasti: telefonate registrate

Avrebbe abusato della divisa di carabiniere per ottenere delle riparazioni gratuite dal rivenditore, di Villafranca Padovana, da cui aveva acquistato, nel marzo 2011, una Bmw 118 del 2008. Il pubblico ministero Benedetto Roberti avrebbe sollecitato il rinvio a giudizio per estorsione, come riportano i quotidiani locali, per un militare della compagnia di Castelfranco Veneto, nel Trevigiano.

"ABUSO DELLA DIVISA". Il 36enne, carabiniere nella provincia di Treviso, avrebbe minacciato, in virtù della propria attività nell'Arma, il titolare dell'autosalone. A suo avviso, alcuni guasti subiti dall'automobile, ai sensori di parcheggio posteriori e allo scarico, avrebbero dovuto essere eseguiti gratuitamente. A sua volta, il rivenditore avrebbe sostenuto che i danni non fossero in garanzia, in quanto provocati dall'usura del veicolo.

MINACCE REGISTRATE. Il rifiuto del commerciante avrebbe spinto il carabiniere a minacciarlo, intimandogli che, se non avesse compiuto quei lavori gratis, lo avrebbe denunciato. In un'occasione, gli avrebbe anche inviato una pattuglia, per dimostrargli che "faceva sul serio". Tutte queste conversazioni, avvenute via telefono, sarebbero state registrate del titolare della concessionaria, che le avrebbe portate come prove della colpevolezza del militare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento