menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carabinieri, il Comandante legione Veneto premia 20 militari

Nella giornata di ieri il Generale di Brigata, Sabino Cavaliere, ha premiato i carabinieri che si sono distinti in attività d'istituto di particolare rilievo. I riconoscimenti per suggellare il coraggio, l'abnegazione e le capacità professionali dimostrate nell'adempimento del dovere

Nella giornata di ieri il Comandante di legione "Veneto", il generale di brigata, Sabino Cavaliere, ha premiato a Padova diversi carabinieri che si sono distinti nell’espletamento di attività d’istituto di particolare rilievo.

ENCOMIO SEMPLICE. In particolare sono stati premiati 8 carabinieri con l’encomio semplice: il tenente colonnello Francesco Rastelli, comandante del nucleo investigativo del Comando Provinciale di Padova, il maresciallo capo Roberto Benetollo, il maresciallo capo Luciano Girolametto, il maresciallo capo Marco Nicolai, il brigadiere Sandro Boni e l’appuntato scelto Gianluca Negrisolo effettivi al nucleo investigativo del Comando Provinciale di Padova per non comune acume investigativo, elevata professionalità ed impegno. Inoltre sono stati premiati con lo stesso riconoscimento anche capitano Angelo Maria Pisciotta, comandante della compagnia di Padova e il maresciallo Fabio Petracchi, addetto alla stazione Carabinieri di Agna.

COMPIACIMENTO. Con il titolo di compiacimento, invece, sono stati insigniti 11 militari: l’appuntato Domenico Catena, l’appuntato Scelto Valter Sammartano e all’appuntato Gianpaolo De Michele addetti del N.O.R.M. della compagnia di Padova e, infine, al sottotenente Gianpio Minieri, al maresciallo aiutante s. UPS Andrea Cannizzo, maresciallo aiutante s. UPS Robero Munaro, maresciallo aiutante s. UPS Alberto Pirrone; brigadiere capo Daniele Gardin, appuntato scelto Tullio Romano Cipollone, appuntato scelto Mario Parente e maresciallo Fabio Petrachi.


ELOGIO. Infine, il titolo di elogio è stato concesso al maresciallo aiutante s. UPS Ezio Pasini con la seguente motivazione: “addetto al Team Cimic del reggimento MSU, inquadrato nella missione Nato –Kfor “Joint Enterpreise”, operazione per il mantenimento della pace in Kosovo, animato dal non comune senso del dovere e da profondo altruismo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento