Clonano carte credito carburante e rivendono gasolio rubato: arrestati

I carabinieri della stazione di Carmignano hanno stretto le manette ai polsi a due moldavi, residenti a Rovigo, per il reato di autoriciclaggio. Vittime aziende olandesi, slovene e italiane per un danno di 120mila euro

I carabinieri illustrano i dettagli dell'operazione

Le indagini dei carabinieri della stazione di Carmignano di Brenta sono scattate lo scorso marzo, quando, durante un controllo della circolazione stradale, hanno intimato l'alt a un furgone su cui viaggiavano due moldavi, residenti a Rovigo. Nel corso della perquisizione al mezzo furono rinvenuti mille litri di gasolio, carburante prelevato poco prima in un'area di servizio di Padova.

CARTE CARBURANTE CLONATE. A seguito di accertamenti, i militari dell'arma hanno appurato che i due avevano clonano 120 carte di credito carburante di altrettante aziende olandesi, slovene e italiane, acquistando 120mila euro di gasolio nelle pompe di benzina sparse tra Padova, Rovigo e Ferrara con l'obiettivo di rivenderlo a connazionali. Per i due moldavi è così scattato l'arresto per il reato di autoriciclaggio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento